Stati Uniti: la tentazione di un «QE militare»

Alla fine del 2017 e agli inizi del 2018 tutte le grandi banche centrali occidentali usciranno dalle politiche monetarie non convenzionali, quei famosi quantitative easing che hanno permesso di fornire liquidità alle banche in piena crisi di fiducia reciproca all’indomani della crisi dei subprime. La Banca Centrale Europea, la Banca di Inghilterra e la Banca del Giappone si apprestano tutte a rallentare l’acquisto di obbligazioni. In Europa, Draghi lo ha ripetuto fino alla nausea, non può fare tutto la Banca Centrale e servono quindi riforme strutturali della moneta unica…
Leggere di più nel GEAB 119

L’internazionalizzazione dello yuan: una sicurezza per il sistema finanziario cinese
La decisione cinese all’inizio del 2018 di introdurre yuan petro-gas convertibili in oro è un passo importante verso l’internazionalizzazione dello yuan e conferma la volontà di Pechino, affermata da un decennio, di imporre il renminbi (nome ufficiale della moneta cinese) come moneta di riferimento internazionale. La decisione del FMI nell’ottobre 2016 di introdurre lo yuan nel paniere di monete della valuta, i Diritti Speciali di Prelievo (DSP), dopo varie riforme e un’intensa pressione cinese, è stata un passo cruciale verso tale internazionalizzazione. La nascita del petro-yuan, oltre un anno dopo, ne è un altro…
Leggere di più nel GEAB 119