Home Aperçus Crisi nel Mare di Azov: cosa ha detto il GEAB 5 mesi fa (GEAB 126 – 15 giugno 2018)

Crisi nel Mare di Azov: cosa ha detto il GEAB 5 mesi fa (GEAB 126 – 15 giugno 2018)

l’Ucraina resta un potente ostacolo tra l’Europa e la Russia, costringendo gli Stati membri ad uscire dalle dinamiche comuni per preservare interessi strettamente legati alla fluidità delle relazioni con la Russia. Presi a parte, questi paesi (Italia, Austria, Ungheria, Grecia, Germania, Francia, ecc…), in modo più o meno ostentato, tendono a sottovalutare la questione ucraina. Ma non appena si riuniscono intorno a un tavolo, l’intangibile regola di «difesa dell’integrità territoriale dell’Ucraina» impedisce ogni progresso. Il famoso comunicato del G7 fornisce un altro esempio di questa patologica mancanza di immaginazione: «Riaffermiamo la condanna dell’annessione illegale della Crimea e il costante sostegno alla sovranità, all’indipendenza e all’integrità territoriale dell’Ucraina nelle frontiere internazionalmente riconosciute.»[1].

Mappa della Crimea. Fonte: Geolinks

Eppure ci sarebbero altre proposte, più consensuali, sulle quali mettersi d’accordo per arrivare a sbloccare la situazione anziché farsi mettere in trappola. La Russia non accetterà mai di lasciare Sebastopoli[2], punto e basta! La nuova ipocrisia della diplomazia internazionale potrebbe trasformare l’Europa e la Russia in quello che è diventato il Medio Oriente a causa dell’altra grande ipocrisia che è il presunto sostegno incondizionato ai palestinesi senza avere i mezzi per provocare le conseguenze di quel sostegno…

La questione ucraina non sembra essere quindi ancora risolta, anche tra europei e russi stanno a poco a poco riprendendo relazioni «vergognose». E non sarà l’ultima riunione del formato di Normandia a contraddirci su questo punto: è un bene che si siano incontrati, ma le conclusioni sono inefficaci[3]. Gli ucraini restano i palestinesi dell’Europa mentre agli europei viene addossato il ruolo di arabi dell’Europa (sostenuti dall’ex potenza mondiale) e i russi, sostenuti dalla nuova potenza mondiale (Cina), giocano piuttosto meglio le proprie carte.

Nell’ultimo numero abbiamo anticipato una distesa delle relazioni UE-Russia. Ed è in corso. Ma allo stato attuale una vera risoluzione del problema ci sembra ancora più illusoria. Rivedremo le nostre anticipazioni in vista delle presidenziali ucraine il 31 marzo 2019.

Si possono anticipare degli scontri nel Mare di Azov[4] o anche nel Mar Baltico…

Abbonarsi

________________________

[1]    Fonte: Elysée, 10/06/2018
[2]    Fonte: Wikipedia
[3]    In realtà, di queste discussioni non abbiamo trovato nessuna traccia su Internet. Sull’incontro: comunicato del Ministero tedesco degli Affari Esteri, 12/06/2018
[4]    Fonte: RFERL, 06/06/2018

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Articoli correlati
Geta Moldovan
07 Feb 2019

Zona euro : La via d’uscita è l’unione bancaria?

#economia #euro #Europa #finanza #Zona euro

In termini di bilancio, questo compromesso potrebbe sfociare solo su una forma di status quo. La struttura istituzionale resterà simile a quella delineata dalle riforme del 2011-2013 fondate sul recupero [...]

Geta Moldovan
06 Feb 2019

L’autonomia alimentare minacciata dagli investimenti e dal fabbisogno cinese

#agricola #Cina #Europa #Investimenti

Un sintomo dell’apertura sistemica creata dalla Commissione che potrebbe rappresentare un pericolo per la sicurezza alimentare europea è l’acquisto di terreni agricoli da parte di investitori stranieri, in particolare cinesi. [...]

Geta Moldovan
02 Gen 2019

“Grazie” alla Cina, l’Unione adotterà il modello protezionista pro-commercio (annuncio del GEAB 123/mar 2018)

#Cina #Europa #geopolítica #mondo multipolare

Come è noto, Trump ha dato il via libera ad una vasta reinvenzione delle relazioni commerciali imponendo i dazi doganali sull’acciaio e sull’alluminio sostenendo, oltre il fatto di dover proteggere [...]