Home Aperçus Prossimamente il GEAB 144 – La crisi del Covid vista dal 2040

Prossimamente il GEAB 144 – La crisi del Covid vista dal 2040

Nel momento in cui un’attualità monomaniacale stenderà una cortina di fumo davanti agli occhi di tutti, come sempre i radar del GEAB saranno puntati su cosa nasconde questa cortina per stabilire il mondo realmente in atto – e non tutti quelli che ciascuno spera, riaffermando il principio caratteristico di “real-futurismo”.

Per questo prossimo numero, spingeremo la logica dell’anticipazione politica all’estremo, tentando di guardare alla crisi attuale come uno storico la guarderà nel 2040. Questo esercizio di stile è destinato ad aggiungere alla distanza spaziale la distanza temporale alla quale il team GEAB si sta sforzando per rivelare al più presto le evoluzioni in corso.

Sul piano sociale, questa crisi del Covid dà ragione a tutti: “è l’inquinamento!”, “è la fornicazione!”, “è il liberalismo!”, “è la CIA!”, “è la Cina!”… ognuno vede le proprie teorie convalidate dalla crisi, giungere il proprio momento di gloria e le proprie soluzioni essere messe in atto. La mediasfera e i social network si riempiono di fake news e di teorie del complotto trionfaliste alimentando la costituzione di quasi-sette che non tarderanno a cambiare alla fine del periodo di confinamento. E anche se, ripetiamo, “il mondo post-Covid sarà molto diverso da quello di ieri”, non sarà tanto diverso da quello che sperano numerosi contingenti di ideologi.

Tutto questo ci fa anticipare un rischio di maggiore frammentazione delle nostre società che i governi messi alle strette per una ripresa economica non potranno far altro che arginare in modo più o meno autoritario.

A livello globale, questa stessa tendenza fa anticipare il superamento di una nuova tappa nella dislocazione geopolitica mondiale con l’emergere di modelli continentali di risoluzione della crisi. Società frammentate, governance mondiale (finanziaria e istituzionale) dislocata, solo i livelli regionali sovranazionali, nazionali e municipali sono in grado di apportare soluzioni con la ripresa del controllo politico anticipato di lunga data.

E le economie seguiranno questa tendenza: economie pianificate, industrie strategiche controllate, settori pubblici rifinanziati, …se a seconda dei paesi le apparenze del liberalismo potranno essere preservate, la realtà spezzerà il binomio tra economia di prima necessità e economia del superfluo, dove l’inflazione di quest’ultima finanzierà le spese legate alla prima.

Nel concreto, osserveremo nel dettaglio lo sviluppo di questa tendenza in particolare nei settori del petrolio, dei trasporti aerei e della salute.

Da non perdere quindi!  Le nostre forme di abbonamento

Sommario dettagliato del GEAB 144:

. Uno sguardo storico del futuro sulla pandemia del 2020
. Ruolo degli Stati: le varie forme di nazionalizzazione del XXI secolo
. Sistemi sanitari e big data: a cosa assomiglierà un “sistema globale di allerta pandemica”?
. Petrolio USA: verso una ripresa?
. Turismo: quali prospettive nel settore dei trasporti aerei?
. Raccomandazioni

 

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
29 Set 2020

Estate 2015 : Dalla fine della crisi greca ad una nuova geopolitica nel Mediterraneo orientale

#crisi sistemica #euro #Europa #Grecia #Investimenti #petrolio

Estratto : GEAB 94 / apr 2015 La crisi greca è sull’orlo del fallimento… e non sarà un assegno europeo a salvarla, ma piuttosto il fatto che la Grecia sta [...]

Geta Grama-Moldovan
18 Ago 2020

Colmare il divario con le fonti rinnovabili

#Energía #finanza #Investimenti #petrolio

Molte fonti energetiche rinnovabili hanno registrato un drastico calo sia in termini di efficienza di costi che di utilizzo dalle economiche sviluppate e in via di sviluppo. I paesi europei [...]

Geta Grama-Moldovan
12 Giu 2020

Il centro di gravità della relazione transatlantica passa in Europa (sommario – GEAB 146)

#coronavirus #covid #Energía #Europa #relazione transatlantica #Stati Uniti #trump

Il motore del futuro gira a pieno regime e ciascuno (pubblici, privati, associazioni, paesi, continenti) ha un proprio (più o meno) piccolo progetto. In fin dei conti, è difficile vederci [...]