Home Blog Prossimamente, il GEAB 173. Sommario…

Prossimamente, il GEAB 173. Sommario…

Sganciamento o no? La terra è il limite (Earth is the limit)

Di fronte ai grandi cambiamenti che stanno caratterizzando il 2020 fin dall’inizio, i fautori del sistema globale non hanno altra scelta che o mollare la presa sganciandosi o fare di tutto per restare. A una a una, ciascuna delle fondamenta della nostra organizzazione economica e politica viene rimessa in discussione ed esige degli sforzi da parte di chi ne assicura il funzionamento, sia per garantire una continuità o per accompagnare la rottura.

In materia di sganciamento, questo mese ci soffermeremo sull’abbandono della cultura dell’innovazione da parte dell’Occidente. Negli ultimi decenni, abbiamo assistito a una vera e propria corsa sfrenata all’innovazione (che non è necessariamente sinonimo di progresso), imponendo un ritmo che ad oggi pare insostenibile (tanto per i cittadini quanto per i decision maker). Anticipiamo quindi che i decisori economici e politici si tireranno fuori da questa corsa, optando per scelte più o meno radicali ricentrandosi sul proprio operato. In un mondo multipolare, la tendenza è diversa, ma il forfait dell’Occidente provocherà un positivo rallentamento di questa corsa.

Dedicheremo un calendario dei futuri appuntamenti elettorali dell’anno 2023-2024, appuntamenti senza precedenti poiché alle urne verrà chiamato quasi un terzo della popolazione mondiale proveniente dai paesi più significativi del pianeta. Ma la montagna partorirà un topolino? Mentre questa convergenza di appuntamenti di fine mandato porta con sé un potenziale big bang politico, i candidati alla rielezione sono numerosi e spesso in buona posizione, tanto che qualsiasi speranza di rinascita (in particolare del mondo occidentale) entro il 2024 potrebbe essere infranta.

Ci sono anche le rotture a cui non vorremmo assistere. Nelle nostre discussioni con la comunità di lettori, il dottor Louis Arnoux ha attirato la nostra attenzione con un’analisi originale del nostro futuro petrolifero. Mentre l’oro nero resta il pilastro del nostro sistema di produzione e di consumo, il calo della redditività energetica dell’estrazione e del trasporto sembra essere molto sottovalutata. Arnoux, dal canto suo, ritiene che stiamo vivendo l’ultimo decennio di quello che è stata definita l’era del petrolio, poiché questa materia prima ha svolto un ruolo centrale nella fondazione e nello sviluppo del nostro sistema.

Sommario dettagliato del n° 173 :

  • 2023-2025: il grande problema occidentale dell’innovazione
  • Calendario del futuro: speciale elezioni 2023-2024
  • Sguardo sul futuro: «Stiamo vivendo l’ultimo decennio dell’Era del Petrolio»
  • Ultima carenza in vista: mancherà la terra
  • Investimenti, tendenze e raccomandazioni

 

 Abbonarsi

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Articoli correlati
Estratti
14 Giu 2024
gratuit

I bisogni dell’IA cannibalizzeranno quelli dell’uomo? (GEAB 186 – il sommario…)

Estratti
14 Mag 2024
gratuit

Prossimamente, il GEAB 185: Quando il denaro scompare!

Estratti
12 Apr 2024
gratuit

Prossimamente, il GEAB 184: Stati Uniti 2025- l’e-Impero colpisce ancora