Home Les bulletins GEAB GEAB 106 Settore delle assicurazioni: verso una rimessa in discussione del modello economico

Settore delle assicurazioni: verso una rimessa in discussione del modello economico

Tutti ricordano le immagini di inondazioni, tempeste di grandine, torrenti di fango, tornado e altre catastrofi che ultimamente hanno spazzato via Europa, Germania, Francia, Belgio, ma anche altri continenti, in America, in Australia e in Canada dove imperversa il grande incendio di Alberta. I danni ammontano a miliardi di euro: 1,4 miliardi stimati in Francia, diversi miliardi in Germania così come in Canada; prima la Gran Bretagna e la Scandinavia erano state colpite da fenomeni simili (poco meno di due miliardi in euro in totale)…

Investimenti, tendenze e raccomandazioni
. Tasso di interesse USA: chi ci crede ancora?
. QE/Tasso di interesse della BCE: ancora un po’ di tempo…
. Sterlina: Brexit oppure no?
. Petrolio: non entusiasmiamoci…
. Oro: forbice, carta e sasso

Breve calendario dell’anticipazione politica
Alcune date da ricordare nei prossimi sei mesi (nuova rubrica)

Questo articolo non è commentabile
Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
12 Lug 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (lug 2019)

#economia #Investimenti #turismo

Trasporti aerei: area di turbolenze Avevamo già messo in guardia dal rischio di crisi di questo settore (costruttori, compagnie, infrastrutture). Di fatto la crisi è già ben avviata: i problemi [...]

GEAB
12 Lug 2019

Il futuro del turismo in Europa : La sindrome «grotta di Lascaux»

#economia #Europa #turismo

La grotta di Lascaux è un sito preistorico scoperto in Dordogna nel 1940. Ben presto è diventata attrazione turistica che ha finito per mettere in pericolo i magnifici dipinti rupestri. [...]

Geta Grama-Moldovan
12 Lug 2019

Turismo europeo 2020-2030: l’improbabile alleanza tra turismo e protezionismo

#asia #economia #Europa #mondo multipolare #turismo

A differenza dei sogni agognati dai funzionari di Bruxelles e dalle nostre capitali, alimentati dalle prospettive di esponenzializzazione dei flussi turistici mondiali, l’Unione cesserà presto di essere la prima meta [...]