Israele-Palestina: è tempo di sognare… per evitare l’incubo

Questo mese non possiamo non tornare sul Medio Oriente, perché ciò che si sta verificando attualmente somiglia a quello che anticipiamo da vari anni e che abbiamo annunciato per il 2017 nella nostra lista di « alti e bassi » del gennaio scorso: ascesa dell’Arabia Saudita come nuovo attore forte della regione, presa di indipendenza della Turchia, transizione del ruolo di nemico regionale da Israele a Daesh, un cambiamento radicale con il ritorno della Russia nella scena medio-orientale, trasformazione dell’influenza americana… Come  abbiamo visto nel dettaglio nell’ultimo numero, il Medio Oriente della fine del 2017 è molto diverso da quello della fine del 2016…

Leggere di più nel GEAB 120