Home Les bulletins GEAB GEAB 131 Crisi finanziaria imminente: una storia che si avvera?

GEAB 131

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Gen 2019

Crisi finanziaria imminente: una storia che si avvera?

Nuovi bei nuvoloni?

Per molti i soliti auguri di un felice anno nuovo sembrano quasi fuori luogo dati i nuvoloni[1] che sembrano addensarsi sulle economie degli Stati Uniti d’America (USA)[2] e le minacce politiche all’economia dell’Unione Europea (UE)[3]. Le cause imminenti non sono difficili da immaginare e, senza la pretesa di essere esaustivi, comprendono:

– la guerra commerciale tra Cina e USA, che è degenerate con l’arresto di uomini d’affari[4];

– Lo “shutdown” di governo e le politiche disfunzionali in corso a Washington[5];

– La prospettiva sia di una “hard Brexit” che di infinite trattative post-Brexit che continuano a suscitare incertezza[6];

– I gilet gialli che imperversano, minando la credibilità del presidente dell’Unione Macron e assalendo gli edifici[7];

– Una maggiore visibilità di politici apertamente nazionalisti dei governi europei e non[8];

– La prospettiva di conflitti che dilagano nuovamente in luoghi come Ucraina orientale e Kosovo[9].

Una mente fredda guarderebbe a questo suggerendo che una turbolenza politica e geopolitica c’è sempre stata, e non ce ne dovremmo preoccupare più di tanto.  Dopotutto, il presidente USA non è stato beccato a mandare i ladri al Watergate, la Russia non ha invaso l’Afghanistan, l’Unione Sovietica non è ancora crollata, il World Trade Centre non è stato distrutto da un aereo passeggeri, il collasso dei mercati azionari non è stato causato da mediocri CDO (Collateralised Debt Obligations) che sono state vendute come titoli classificati AAA, in Giappone non c’è stata la distruzione di un altro impianto nucleare e non c’è un altro esodo di massa di milioni di rifugiati verso la Germania. E visto che siamo riusciti a superare questi eventi del passato, sicuramente siamo in grado di affrontare l’attuale infornata di brutte notizie.

Non sarebbe però saggio affermare che tutto questo è “ordinaria amministrazione”. Pur trattandosi solo di una frenata più che un disastro[10], una serie di problemi ricorrenti non stanno volgendo al meglio. Nella cultura occidentale (cristiana) vi è inoltre un falso diffuso ottimismo che a mano a mano che sia avanti il tempo sia lineare e il progresso sia inevitabile, pur essendoci nel frattempo piccoli incidenti. Tutte cose come l’impero romano (occidentale) sostituto da migliaia d’anni di tempi oscuri.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Come ogni anno, il LEAP vi offre un panorama sintetico dei grandi «alti e bassi» del nuovo anno. Oltre all’interesse intellettuale del contributo del LEAP, che riflette naturalmente le numerose [...]

Esattamente vent’anni fa, nel 1999, sotto la guida di Franck Biancheri, abbiamo lanciato ad Atene il Progetto Europa 2020, un progetto di reinvenzione dell’Europa realizzato su basi di democratizzazione, efficacia, [...]

Che ruolo internazionale sta svolgendo oggi l’oro e le recenti tendenze di mercato e le nuove vie di investimento stanno riaffermando l’inclusione dell’oro in un portafoglio equilibrato? Con l’estate alle [...]

Lingotti e gioielli Per secoli, monete d’oro e gioielli sono stati utilizzati come investimenti privati su piccola scala e che oggi per molta gente rimangono un buon punto da cui [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Ago 2019

Medio Oriente: Verso una pace senza vincitori né vinti (GEAB 125 / Maggio 2018)

#governance #iran #israele #medio oriente

Il Medio Oriente sembra essere sul punto di andare a fuoco. Per la prima volta Iran e Israele sono uno contro l’altro. Il regime turco si sta irrigidendo dando ormai [...]

Geta Grama-Moldovan
14 Ago 2019

Secondo trimestre 2019: epilogo della creazione del Grande Israele (GEAB 133 / Marzo 2019)

#geopolítica #governance #israele #medio oriente

La probabilità di un prossimo avvio del processo rapido e drastico relativo ai fonti battesimali (ci permettiamo di dire...) del Grande Israele la riteniamo molto elevata (70%). Figura 1 - [...]

Geta Grama-Moldovan
14 Ago 2019

Retrospettiva Medio Oriente: Sei scenari per una visione

#geopolítica #governance #medio oriente

In questa estate del 2019, che continua a mettere il Medio Oriente in primo piano, abbiamo trovato e messo insieme alcuni scenari emblematici della nostra visione del futuro della regione [...]