Home Les bulletins GEAB GEAB 126 Geopolitica/estate 2018: Salto nell’ignoto… senza rete

GEAB 126

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2018

Geopolitica/estate 2018: Salto nell’ignoto… senza rete

Da circa due anni assistiamo all’accurato smantellamento dell’ordine mondiale prevalso dal 1945. A partire dal 2001, questo ordine mondiale, non essendo riuscito ad adattarsi alle nuove realtà, si è auto-distrutto in molti punti. Da due anni, tuttavia, i blocchi nazionali costitutivi di questo sistema internazionale hanno cominciato ad uscire con decisione da questi ambiti impegnativi e obsoleti. Il caso emblematico di questo processo è naturalmente la Brexit. Da allora, come vedremo, il fenomeno ha subito una brusca accelerazione. Ci stiamo quindi avvicinando sempre di più al «giorno del giudizio» (il momento della verità): libere dai vincoli e non riuscendo più a trovare un punto fisso al quale appoggiarsi, le nazioni traballano. Abbiamo già parlato dei rischi di sconvolgimento e di reazioni di panico in grado di portare a prendere decisioni sbagliate, innescando reazioni a catena potenzialmente drammatiche. Riteniamo che quest’estate potrebbe essere teatro di questo genere di «incidenti». Allo stato attuale ci sono tutte le condizioni per una «tempesta perfetta»

R.I.P. G7

Nella serie «Rubrica necrologica dell’ex ordine mondiale», cominciamo dal G7 che Donald Trump ha appena messo alla berlina dopo lodevoli sforzi da parte di tutti[1].

Come i nostri fedeli lettori sanno già, da tempo riteniamo che il G7-8-7-6 non ha più molto senso, e quindi non piangeremo la sua morte. Ad oggi, le prime sette potenze mondiali in quanto a PIL sono Cina, Stati Uniti, India, Giappone, Germania, Russia e Indonesia[2]. Tra le altre cose, Francia, Inghilterra e Canada non risultano negli archivi della governance mondiale, e nel 2008 è stato inventato il G20 composto da Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Messico, Russia, Arabia Saudita, Africa meridionale, Corea del Sud, Turchia, Regno Unito, Stati Uniti e Unione Europea[3].

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Il mondo è sull’orlo di un’ondata di sviluppo semplicemente inaudito che si appresta a dilagare in Medio Oriente, in Africa, in India, nel sud-est asiatico, negli Stati Uniti e nel [...]

La Politica Agricola Comune (PAC), che dovrebbe garantire l’indipendenza alimentare e una qualità dell’alimentazione agli europei, è in crisi già da molti anni, senza che venga visto apparire un progetto [...]

- Mercato cinese - Neobanche - Immobiliare: essere proprietari di casa propria, è finita! - Sistema di informazione: diversificate per settore Mercato cinese La Cina riveste un ruolo preponderante nell’economia [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Secondo semestre 2020 – Il test europeo della pace in Medio Oriente

#Europa #israele #mediooriente #statiuniti

A priori l'Europa sembra essere oggi molto più compatibile con il mondo multipolare del XXI secolo rispetto agli Stati Uniti. Ma dovrà dimostrarlo ancora una volta. È a partire dal [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Europa 2020-2028: 750 miliardi per cambiare paradigma… e salvare gli Stati Uniti

#clima #Europa #governance #statiuniti

Mentre il virus sta attaccando il centro del reattore occidentale «per come lo conosciamo dal 1945», ovvero l'America, al centro della scena sta mettendo un'Europa rigenerata da dodici anni di [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Covid-19/America21: fatale reazione a catena

#blacklivesmatter #coronavirus #covid #Europa #statiuniti #trump

Il mese scorso abbiamo anticipato un rischio di deragliamento del meccanismo plurisecolare delle elezioni americane. Con ottimismo, abbiamo avanzato l'ipotesi che un contesto eccezionale potrebbe portare ad elezioni straordinarie che [...]