Home Les bulletins GEAB GEAB 119 L’internazionalizzazione dello yuan: una sicurezza per il sistema finanziario cinese

GEAB 119

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Nov 2017

L’internazionalizzazione dello yuan: una sicurezza per il sistema finanziario cinese

La decisione cinese all’inizio del 2018 di introdurre yuan petro-gas convertibili in oro è un passo importante verso l’internazionalizzazione dello yuan e conferma la volontà di Pechino, affermata da un decennio, di imporre il renminbi (nome ufficiale della moneta cinese) come moneta di riferimento internazionale. La decisione del FMI nell’ottobre 2016 di introdurre lo yuan nel paniere di monete della valuta, i Diritti Speciali di Prelievo (DSP), dopo varie riforme e un’intensa pressione cinese, è stata un passo cruciale verso tale internazionalizzazione. La nascita del petro-yuan, oltre un anno dopo, ne è un altro.

La contraddizione cinese: la necessità di controllare e di liberalizzare

Il governo cinese dovrebbe accelerare tale movimento seguendo una strategia più ampia. Da questo punto di vista, i segnali non mancano. Ad agosto, il governo di Pechino ha annunciato 22 misure per aprire l’accesso ai mercati finanziari. Un mese dopo, un rapporto del gruppo di esperti China Finance 40 Forum, comprendente, tra gli altri, alcuni membri della Banca Centrale e della Banca Popolare Cinese (PBOC)…, ha chiesto di andare oltre fin da ora con la liberalizzazione del mercato dello yuan[1]. All’inizio di ottobre, Zhou Xiaochuan, governatore della PBOC da quindici anni che lascerà alla fine dell’anno, ha appoggiato una «triplice liberalizzazione»: quella dei capitali, del commercio e dello yuan[2]. A suo parere, la Cina non deve attendere «che ci siano tutte le condizioni» per fare oscillare lo yuan. Secondo il governo della PBOC, il futuro sviluppo economico della Cina passa per l’internazionalizzazione dello yuan che attirerà i capitali esteri. Si tratterebbe quindi del chiaro impulso ad una crescita fragile e artificialmente gonfiata dal credito.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Come anticipiamo da due mesi, la fine del 2017 è piena di nuovi sviluppi e rischia varie escalation. Attualmente, tutti gli occhi sono di nuovo puntati sul Medio Oriente, polveriera [...]

Alla fine del 2017 e agli inizi del 2018 tutte le grandi banche centrali occidentali usciranno dalle politiche monetarie non convenzionali, quei famosi quantitative easing che hanno permesso di fornire [...]

- Iran... Germania, Francia e Norvegia hanno siglato una serie di contratti con l’Iran, non sono i soli in Europa, e questo malgrado gli avvertimenti e i rischi che eventuali [...]

Strategia: restate al sicuro Anche se questo numero del GEAB è decisamente ottimista, intravedendo la fine del tunnel di transizione centrata sulla pace in Medio Oriente, confermiamo l’avvertenza degli ultimi [...]

Articoli correlati
GEAB
12 Dic 2018

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (mar 2017)

#bonds #finanza #Investimenti #petrolio

Strategia generale: l’occhio del ciclone Come abbiamo iniziato col dire nell’ultimo numero, attualmente è richiesta la massima prudenza. Un’apparente ripresa dell’attività è una comunicazione a breve termine sia il segnale [...]

GEAB
11 Dic 2018

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (mag 2017)

#brexit #finanza #Investimenti #petrolio

Petrolio – Tutto scorre A discapito di numerosi interessi evidentemente desiderosi di ridurre l’impatto dell’accordo sulla produzione del petrolio tra l’OPEC e gli alleati e i dubbi riguardo al carattere [...]

GEAB
10 Dic 2018

I deboli segnali di tendenza: la nostra selezione (Giu 2017)

#deboli segnali #finanza #governo #política

Il lavoro di anticipazione va svolto considerando quelli che chi si occupa di anticipazione chiama «segnali deboli». Si tratta di informazioni accessibili poco diffuse dal sistema mediatico e particolarmente illuminanti [...]