Home GEAB 169

GEAB 169

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Nov 2022
L'estratto pubblico

Ti è piaciuto il transumanesimo? Il postumanesimo ti piacerà ancora di più!

Se il primo, pur auspicando un incremento dell’essere umano, ne affermava comunque la centralità, il secondo intende andare definitivamente oltre l’umano e l’umanesimo per porre al centro dell’edificio gli strumenti che ha creato. I prefissi sono importanti: “trans” qui indica la nozione di “oltre”, e quindi richiama gli elementi che vanno al di là dell’umano; “post” significa “ciò che viene dopo”, e quindi stabilisce ciò che viene dopo l’umanesimo[1].

Dal punto di vista del nostro team, il primo è ipotetico, il tipo di utopismo che si trasforma (troppo) facilmente in distopia[2]. Il secondo accadrà a prescindere da tutto: l’umanesimo, come ogni ideologia, non è eterno e sarà sostituito da un altro paradigma. Fermiamoci un attimo a riflettere su questo concetto che, in sostanza, potrebbe motivare molte strategie in tutto il mondo.  Cosa potrebbe esserci dopo l’uomo nel continuum di progresso in cui i sostenitori di questo tipo di teoria sono senza dubbio coinvolti?

Potrebbe esserci una rottura. Il mondo ha sempre oscillato tra l’umanesimo (che mette al centro l’uomo) e il pensiero (che mette al centro le idee dell’uomo). Si possono facilmente individuare due forme principali della seconda categoria: le religioni e le ideologie. In entrambi i casi, si tratta di “idee umane” che a un certo punto assumono un ruolo predominante: le religioni nascono sempre da un’oscillazione verso l’umano prima di arrivare a schiacciare quest’ultimo sotto i suoi dogmi e le sue carcasse; le ideologie nascono dall’idealismo umanista per arrivare a schiacciare l’umano sotto i loro assolutismi, dalla libertà al terrore, dal marxismo allo stalinismo, dal futurismo al fascismo, dal capitalismo al neo-totalitarismo[3], o dall’ecologia all’ecofascismo o all’ecototalitarismo[4], ecc….)

Se il postumanesimo è in linea con il transumanesimo, allora saranno le creazioni umane per superare la propria condizione a essere erette a credenze, a divinità. Qui sta la rottura, perché le religioni e le ideologie sono sistemi di organizzazione delle società umane. Questa nuova fase proporrà la fede nelle creazioni materiali, il miglioramento delle nostre capacità fisiche (con l’assunzione di “droghe” o con interventi diretti sul corpo) e intellettuali (intelligenza artificiale). Non si tratta più di credere o dubitare dell’esistenza di un Dio o della pertinenza di un’idea politica, è tutto materiale.

Non sorprende che il grande movimento umanista che ha presieduto l’avvento di Internet stia raggiungendo questo stadio totalitario, ponendo lo strumento al di sopra degli esseri umani che lo hanno inventato. Se questa prospettiva non promette niente di buono per i prossimi 20 anni, permette anche di capire che si tratta di un nuovo passaggio della storia che l’umanità sta iniziando ad attraversare, ma anche che tutte le speranze sono ammesse per l’esito del periodo buio che si sta aprendo.

 

Figura 1 – Rappresentazione delle varie ideologie legate al transumanesimo e al postumanesimo.. Fonte: hpluspedia

 

Se consideriamo inevitabile il superamento dell’umanesimo, e quindi l’avvento di una forma di postumanesimo, è perché già esiste un terreno fertile per almeno tre motivi:

I periodi di contenimento nel 2020 hanno visto emergere una tendenza rivelatrice sui social network con lo slogan “noi siamo il virus”[5]. Vedendo il ritorno della fauna selvatica nelle aree popolate dove era diventata scarsa, alcuni esseri umani si sono considerati la causa intrinseca della distruzione della natura, vedendo queste manifestazioni di fiorente biodiversità come una forma di legittima vendetta[6]. L’estensione logica e terrificante di questo ragionamento è l’eradicazione dell’umanità, in quanto virus, per far posto alla vita selvaggia che occupa il posto che le spetta sulla Terra. Un passo che fortunatamente la maggior parte di questi utenti di Internet non ha compiuto.

In molti paesi del mondo, tuttavia, si nota una perdita di fiducia nell’umanità da parte delle giovani generazioni. Uno studio ambizioso ha interrogato 10.000 persone di età compresa tra i 16 e i 25 anni in dieci paesi diversi per valutare il loro grado di preoccupazione circa le questioni climatiche. Alla domanda “L’umanità è condannata?”, il 55% ha risposto affermativamente[7].

L’umanità ha spinto il progresso tecnologico al punto che la stragrande maggioranza della popolazione utilizza quotidianamente strumenti di cui non sa spiegare chiaramente il funzionamento[8]. Uno smartphone o un computer non sono un martello o una sega. La maggior parte di noi non è in grado di comprendere, riparare e quindi padroneggiare tutti gli strumenti digitali ed elettronici che sono diventati essenziali per la nostra vita quotidiana. Questa mancanza di padronanza e comprensione implica una forma di fiducia, per non dire di convinzione, nell’efficacia di questi strumenti[9]. Una convinzione che potrebbe essere sfruttata cinicamente da chi, come noi, ha padronanza di questi strumenti, anche se questa padronanza totale sarebbe un’illusione[10]. È proprio perché non sappiamo e non possiamo sapere cosa c’è dopo la morte che le religioni hanno prosperato sulla promessa di un paradiso, di una vita eterna, e si sono così date i mezzi per imporre dei dogmi.

Se l’umanità è condannata, se agisce come un virus nei confronti del suo habitat, e se dispone di strumenti che considera più efficaci di se stessa pur non essendo in grado di comprenderli appieno… che cosa impedisce a “ciò che viene dopo”, o addirittura a ciò che “va oltre” se stesso, di essere il più vicino alla propria condizione, l’umanesimo?

Abbiamo quindi esplorato queste idee nei due articoli seguenti. Il primo è dedicato allo sport, perché riconosciamo collettivamente gli atleti come i migliori secondo criteri di valutazione chiari. Se vogliamo aumentare le nostre capacità fisiche, sarebbe logico, e soprattutto socialmente più accettabile, iniziare da questo settore. Questo ci ha permesso di testare il realismo di queste ideologie, dove l’intelligenza artificiale è già ampiamente utilizzata, mentre l’atleta aumentato è ancora solo un mito. Naturalmente è stata anche un’occasione per anticipare le implicazioni geopolitiche dell’organizzazione di eventi internazionali, di cui la Coppa del Mondo in Qatar è un emblema. Il secondo è dedicato alla narrativa postumanista perché riconosciamo il potere dell’immaginazione e il valore curativo necessario per comprendere sconvolgimenti di tale portata potenziale.

Sperando che queste pagine non alterino la vostra fede nell’umanità, vi auguriamo buona lettura.

Per parlarne, trovate la GEAB Community su LinkedIn.

_______________

[1]     Fonte: The Conversation, 10/02/2021

[2]     Anche se il potenziale di successo non deve essere sottovalutato, in quanto attira i pesi massimi dell’economia e della politica mondiale. Fonte: Darren Winters

[3]     Fonte: Revue l’Esprit libre, 04/11/2015

[4]     Fonte: Wikipedia

[5]     Fonte: twitter per esempio

[6]     Fonte: Sage Journals, 10/06/2020

[7]     I paesi di origine degli intervistati erano: Australia, Brasile, Finlandia, Francia, India, Nigeria, Filippine, Portogallo, Regno Unito e Stati Uniti. Fonte: The Lancet, 12/2021

[8]     Fonte: Wired, 08/01/2014

[9]     Questa idea viene utilizzata nel romanzo Fondazione di Isaac Asimov (Gnome Press, 1951), incentrato sulla tecnologia nucleare. Nella società immaginata dall’autore, le centrali nucleari sono così efficienti e durature che, generazione dopo generazione, chi le mantiene finisce per non conoscerne il funzionamento, non avendo mai dovuto intervenire su di esse. Questa incompetenza viene poi sfruttata dai membri della Fondazione che hanno trasmesso questa conoscenza, per stabilire la religione della scienza…

[10]   Fonte: Interesting Engineering, 06/04/2019

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Raramente un evento sportivo ha fatto scorrere tanto inchiostro prima del suo lancio. La Coppa del Mondo di calcio in Qatar inizia questo mese, ed è una rivelazione del punto [...]

Articolo scritto da Mara Magda Maftei, professore universitario presso l'Università di Studi Economici di Bucarest, visiting scholar presso il College of Global Studies, titolare di un dottorato di ricerca in [...]

Come previsto, con l'imminente passaggio delle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti, la Fed inizia a prepararsi a un rallentamento della stretta monetaria a dicembre. Goldman Sachs sta cercando [...]

Gestione patrimoniale - Cosa fare quando si è europei? // Investimenti - Trovare l'uscita // Paradisi fiscali - Nuovi orizzonti // Criptovalute - È arrivato il momento // Immobili - [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Nov 2022

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (nov)

#criptovalute #Immobiliare #Investimenti #mercati

Gestione patrimoniale - Cosa fare quando si è europei? // Investimenti - Trovare l'uscita // Paradisi fiscali - Nuovi orizzonti // Criptovalute - È arrivato il momento // Immobili - [...]

GEAB
15 Set 2022

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (sept)

#borsa #dollaro #euro #Immobiliare #investimento #Monete

Borsa: tempesta in vista per i valori bancari // Euro-dollaro: il crollo si protrae // Crisi dell'immobiliare in Cina: fallimenti in vista… // Materiali da costruzione: le carenze si aggravano [...]

GEAB
15 Giu 2022

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (giu)

#bitcoin #cripto #Investimenti #oro #petrolio #yen

Oro, Bitcoin: privilegiare gli investimenti tradizionali // Yen: il primo pilastro a crollare? // Fine dei motori termici nel 2035 // Petrolio: l'aumento continua ____________________ Oro, Bitcoin: privilegiare gli investimenti tradizionali Per [...]