Home governance

Rubrica: governance

Eurolandia 2025-2030: dalla realtà in tasca alla virtualità, cosa resterà dell’Unione (europea)?

L’euro in tasca: il senso di appartenenza all’Europa Il rapporto che abbiamo con il denaro è carico di affettività ed emozione. Non ha solo un valore economico, finanziario o monetario, ma anche emotivo, sociale e culturale. Lo stesso vale per l’Euro, la cui introduzione ha determinato un vero e proprio cambiamento negli atteggiamenti europei, per […]

Il futuro dei sistemi di pagamento, la scomparsa del contante: quando le politiche monetarie non saranno più sufficienti

Tra i ritorni all’essenziale (back to basics) che abbiamo anticipato in diverse occasioni, cosa può essere più efficace del denaro? Quando le difficoltà e i rischi si accumulano, è necessario tornare all’essenziale. I nostri politici non mancano di farlo, concentrandosi su politiche monetarie ambiziose e aggressive. Lo dimostrano i dibattiti sui tassi di interesse delle […]

2030 – L’intelligenza artificiale al servizio della pace

Mentre due accesi conflitti, Ucraina/Russia e Israele/Gaza, stanno infiammando il mondo alle nostre porte, in cui i protagonisti rifiutano qualsiasi negoziato di pace senza la totale sconfitta dell’avversario (a meno che Putin non scompaia e, nel secondo caso, stiamo parlando di Israele e Hamas, non del popolo palestinese, che spera solo di trarre vantaggio da […]

ONU 2024: riformare il Consiglio di sicurezza o lasciarlo morire

Dall’inizio delle offensive israeliane[1] a Gaza sono stati uccisi oltre 30.000 civili, eppure il veto americano sta bloccando ogni risoluzione di cessate il fuoco proposta dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU, mentre, allo stesso tempo, l’Assemblea Generale sta condannando i bombardamenti israeliani su Gaza con una maggioranza senza precedenti. La stessa storia del Consiglio di Sicurezza […]

2025: l’Europa frammentata implode sotto la pressione della guerra

Impossibile rilanciare l’industria europea della difesa, scontri politici e sociali, disaccordi strategici, divergenze diplomatiche… “Finora l’Europa è stata costruita sulle crisi” è un motto storicamente verificabile. Il conflitto in Ucraina, tuttavia, sarà la crisi a dimostrare che questo motto è sbagliato, facendo crollare l’edificio su se stesso. La crisi sistemica globale permea e destabilizza le […]

Germania 2024-2025: Reinventare il modello di business

Colpita dalla megacrisi occidentale, con tutte le vie di risoluzione bloccate, la Germania ha urgentemente bisogno di reinventare il proprio modello economico per arrestare il proprio declino. Dopo la vittoria degli Alleati su Hitler, gli Stati Uniti e altri partner occidentali crearono la Repubblica Federale di Germania per sfruttare la potenza economica tedesca[1] nella lotta […]

2024: un protettorato arabo per i territori palestinesi

Questo è esattamente ciò che abbiamo descritto come la dolorosa e violenta transizione al mondo successivo, con quello che abbiamo definito il ritorno delle logiche della forza nel nostro GEAB 178 del 15 ottobre 2023. Inoltre ci troviamo proprio nello scenario che abbiamo osato descrivere nel nostro GEAB 133 del 15/03/2019: “Secondo trimestre 2019: epilogo […]

Le città del futuro: nuove ambizioni, nuovi attori, nuove divisioni

Quando ogni mese prestiamo attenzione alle trasformazioni geopolitiche del nostro mondo, l’analisi dei progetti di città futuristiche, di nuove città, è estremamente rivelatrice. Come i sogni, rivelano le nostre speranze e le nostre paure, e in definitiva la visione della città perfetta/celestiale/ideale che i loro promotori desiderano costruire. Abbiamo quindi scelto di effettuare questo esercizio: […]

Trentuno tendenze chiave per il 2024

Geopolitica: ricomposizione asimmetrica 1 – La nebbia delle elezioni americane disturba la visibilità globale È importante comprendere le implicazioni di questa mancanza di visibilità sull’esito delle elezioni americane. Sostenendo di essere la prima democrazia del mondo, il sistema politico americano ha funzionato per decenni come un orologio: Due mandati democratici, seguiti da due mandati repubblicani, […]

Editoriale – Mega-tendenze 2024: rischi reali, falsi timori

“Siate avidi quando gli altri hanno paura”[1] La grande caratteristica del 2024 è il suo fitto calendario elettorale: quest’anno quasi tre miliardi di persone voteranno in 76 Paesi, tra cui nazioni importanti come India, Indonesia, Corea del Sud, Giappone, Russia, Sudafrica, Algeria, Ruanda e, naturalmente, Stati Uniti. Tutti questi Paesi si trovano quindi in un […]

Azerbaigian-Armenia: pace duratura in vista… Astenersi disturbatori!

Stiamo vivendo un periodo di cinismo storico che ci costringe a vedere una serie di microconflitti e la loro scia di morti e spostamenti di popolazione come sforzi per costruire una pace duratura. Pensiamo ovviamente alla guerra tra Israele e Hamas (“micro” perché territorialmente limitata a Gaza) ma anche al recente disarmo/spostamento degli armeni del […]

America Latina, il prossimo centro di gravità della guerra economica sino-americana prima del 2030

Il 1° gennaio 2024, l’Argentina sarebbe dovuta entrare nel blocco dei BRICS, circondata da Iran, Egitto, Etiopia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti[1]. Tuttavia, l’elezione di Milei alla presidenza ha bruscamente invertito la traiettoria diplomatica del Paese, con una svolta filoamericana molto marcata, incarnata dalla volontà di dollarizzare l’economia. Tale scelta implica il rifiuto dei […]

Cina 2030: L’equazione tra debito pubblico globale e debito cinese

Con la crisi dei subprime (2007/2009), i piani di salvataggio delle banche e delle istituzioni finanziarie hanno raggiunto vette così vertiginose che non ci aspettavamo di vederle di nuovo a breve. Da allora, l’orologio del debito globale ha continuato a sfornare cifre altrettanto folli… Tra la crisi del Covid (2020/2021), la debacle afghana (2021), il […]

Israele-Hamas: l’altro scenario… permettendoci di “pensare l’impensabile”

Il conflitto si risolverà nel breve termine, consentendo l’integrazione e l’apertura della regione a tutte le sue potenzialità. Questa è la previsione che abbiamo presentato il mese scorso, in linea con il nostro lavoro sul futuro del Medio Oriente degli ultimi diciassette anni. Questo scenario rimane a nostro favore. Tuttavia, è abbastanza chiaro che ci […]

Ecosistemi verdi: avvicinarsi al punto di non ritorno nella crisi forestale globale

Le foreste sono molto più che semplici paesaggi verdi. Sono ecosistemi essenziali, centri di biodiversità, che svolgono un ruolo centrale nel mantenimento dell’equilibrio ecologico e dell’esistenza umana. Tra gli innumerevoli benefici che offrono, spiccano tre ruoli importanti: la stabilizzazione del suolo, la conservazione dell’acqua potabile e, cosa forse più importante, le foreste sono i polmoni […]

Il futuro della lingua francese: una responsabilità collettiva che va oltre i confini della Francofonia

Nonostante il “sentimento antifrancese” che sta attraversando l’Africa e che suggerisce che la Francia sta perdendo il suo fascino[1], prevediamo una rinascita della lingua francese in tutto il mondo. La prova migliore di questo dinamismo si avrà quando la lingua francese riacquisterà i suoi colori al di fuori delle istituzioni e dei finanziamenti responsabili della […]

Intelligenza artificiale, mercato del lavoro, disuguaglianze sociali, moneta digitale – 2027: l’Occidente introduce un reddito universale per salvare le vittime dell’IA

Dall’agricoltura a Internet alla stampa, tutti i progressi tecnologici hanno avuto conseguenze socio-economiche, portando a profondi cambiamenti nella società. Il facile accesso ai poteri dell’intelligenza artificiale non farà eccezione. Questa rivoluzione riguarda i laureati, che saranno le prime vittime dell’automazione del lavoro. Ciò aumenterà diversi tipi di disuguaglianza, come la disuguaglianza di reddito, di genere […]

2023-2025: il grande problema occidentale dell’innovazione

Il carattere esponenziale del ritmo delle varie innovazioni sta terrificando sempre di più la collettività umana occidentale. Tra sguardi preoccupati sul futuro, crescenti difficoltà di adattamento al cambiamento e i costi esorbitanti delle trasformazioni e della loro gestione (a cominciare dalla cyber-sicurezza), l’Occidente avrà gradualmente paura della parola “innovazione”. Negli ultimi decenni si è imposta […]