Home Globalizzazione multipolare 2018: l’Unione adotta il modello protezionista pro-commercio

GEAB 123

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Mar 2018

Globalizzazione multipolare 2018: l’Unione adotta il modello protezionista pro-commercio

Come è noto, Trump ha dato il via libera ad una vasta reinvenzione delle relazioni commerciali imponendo i dazi doganali sull’acciaio e sull’alluminio sostenendo, oltre il fatto di dover proteggere questa industria e i posti di lavoro ad essa legati, il carattere strategico di questo settore strettamente legato alle forze armate. Economia, posti di lavoro, sicurezza nazionale, si tratta chiaramente di sovranità nazionale. E anche qui le logiche e gli organismi sovranazionali sono compromessi (in particolare OMC e UE).

Dazi doganali: l’Unione nel mirino di Trump

La concorrenza cinese viene brandita come un drappo rosso per indorare la pillola. In realtà non è la Cina quella maggiormente interessata. Pur producendo quasi la metà dell’acciaio mondiale, la Cina è solo all’11° posto tra i paesi più soggetti alla misura tariffaria. Più sorprendente è in realtà il fatto che i paesi più colpiti appartengono piuttosto al campo alleato: il Canada rappresenta il 16% delle importazioni d’acciaio, seguito dal Brasile al 13%, poi la Corea del Sud (10%), il Messico (9%)…

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Da molti mesi anticipiamo la ripresa del controllo politico da parte dei livelli nazionali nel mondo. Tale controllo si è imposto come una necessità legata all’incapacità strutturale dei livelli sovranazionali [...]

Finora media e analisti sono stati unanimi: la Brexit rappresenta un futuro incerto e pericoloso per il Regno Unito e solo per il Regno Unito. I nostri lettori sanno che [...]

Nei prossimi cinque anni, le ICO (Initial Coin Offering), che appaiono oggi un micro-fenomeno nel settore relativo alla raccolta fondi, costituiranno un mezzo indispensabile per strutturare un’impresa a lungo termine. [...]

Non ha bisogno più nessuno di petrolio caro, e anticipiamo che nei prossimi mesi i prezzi del petrolio caleranno in modo significativo e durevole. Qui di seguito le ragioni che [...]

- ICO, siate agili ma prudenti - NEOM, la chiave verso la cittadinanza di un nuovo Medio Oriente? - Petrolio: diffidate della fluttuazione del dollaro - Armamenti europei: QE militare [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Apr 2021

Spazio 2030: il nuovo scenario cinese

#Cina #spazio

Entro il 2030, la Stazione Spaziale Internazionale potrebbe essere il primo museo dello Spazio dalla fine degli anni '90, quello in cui tutti hanno cercato di lavorare insieme. Vietando ai [...]

GEAB
15 Apr 2021

L’UE, costruttrice di fiducia tra USA e Cina: alcune ingenue raccomandazioni per i leader europei

#governance #mondo #UE

Di fronte alle enormi sfide che il confronto USA-Cina fa pesare sul mondo, l'Europa deve essere consapevole di non essere un attore secondario, di dover imporre pubblicamente i propri specifici [...]

GEAB
15 Apr 2021

2025 – Quando il mondo lascerà l’Occidente per la Cina…

#Cina #governance #mondo

Nella morsa della guerra USA-Cina venutasi a creare negli ultimi anni, l'arrivo di Biden alla Casa Bianca e la strategia di adesione di un campo di "alleati" intorno all'America per [...]