Home Immobiliare europeo: prudenza

GEAB 112

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Feb 2017

Immobiliare europeo: prudenza

Dalle analisi ottimiste sul mercato immobiliare europeo leggiamo qua e là[1] che la «ripresa» c’è, che il settore gode di buona salute ecc. I nostri lettori ne dubitano, il nostro team è meno entusiasta e invita alla massima prudenza, benché le prospettive non siano del tutto oscure.

Il mercato immobiliare resta difficile da analizzare per via dell’operato dei vari attori economici e politici. Quest’anno le prospettive sono molto incerte, e quindi conviene essere molto prudenti. Sono previsti veri e propri sconvolgimenti (elezioni in Europa, economia, geopolitica…) ma, come abbiamo visto con l’inatteso rialzo dei mercati finanziari a seguito dell’elezione di Trump o della Brexit, adesso le reazioni del sistema sono fondamentalmente imprevedibili.

Finora, il rendimento dell’immobiliare occidentale si spiega in gran parte con i tassi di interessi mantenuti al minimo da parte delle banche centrali. Malgrado le prime decisioni della Fed, il nostro team non anticipa una grande risalita dei tassi della BCE o della Fed, in particolare perché la politica di Trump necessita di un dollaro debole e perché il timido ritorno dell’inflazione in Europa è essenzialmente dovuto al prezzo del petrolio e non solleva particolari preoccupazioni di iperinflazione. Nell’anno a venire, quindi, i tassi di prestito immobiliare resteranno probabilmente molto deboli (a scapito, comunque, di una leggera risalita), i quali continueranno a sostenere il mercato immobiliare. Notiamo inoltre che le costose politiche di sostegno all’immobiliare sono state tutte mantenute nonostante la situazione finanziaria dei vari paesi, segno che un soggetto politicamente sensibile nessuno se lo lascerà scappare tanto presto: il sistema continua ad arroccarsi per evitare ad ogni costo il crollo dei prezzi immobiliari…

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Nella crisi sistemica globale che stiamo attraversando, già da qualche anno il nostro team parla di «disorganizzazione statistica» per qualificare l’incapacità degli strumenti attuali di misurare l’economia reale, se non [...]

15-16 febbraio – Astana: Prossimo ciclo dei negoziati di pace sulla Siria L’iniziativa di pace in Siria lanciata dalla Russia, dalla Turchia e dall’Iran dopo l’accordo per il cessate il [...]

Anticipiamo che quest’anno e il prossimo questo Stato europeo affronterà difficoltà di tipo economico, culturale e politico. In primo luogo, l’aumento dell’euro nuocerà in modo considerevole al buon livello delle [...]

L’Europa post-Brexit non ha bisogno che le estreme destre arrivate al potere siano in sintonia con il modello nazional-europeista proposto dai britannici. L’antagonismo tra il livello europeo e i livelli [...]

Euro: continuare a crederci Oggi, il team LEAP ritiene che le difficoltà dell’euro di cui sentiamo parlare sono da intendersi più come «cambiamento di rotta» che di «fine dell’euro». Le [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Giu 2021

Documento strategico España 2050 – Promessa non mantenuta

#anticipazione #Europa #governance #mondo #Spagna

Il progetto España 2050, presentato dal governo Sanchez lo scorso 20 maggio, riunisce sotto forma di nove sfide, cinquanta obiettivi e duecento proposte, una serie di misure di riforma nel [...]

GEAB
15 Mag 2021

Segno dei tempi: la famiglia Berlusconi assume il controllo dell’Europa dei media

#Europa #media #política

Una notizia pesante in senso politico: i giganti francese e italiano dei media Vivendi (Bolloré) e Mediaset (Berlusconi) hanno posto fine alle loro controversie; ciascuno con i propri soldi e [...]

GEAB
15 Mag 2021

2025-2030: Ritorno al “nucleare”

#Energía #Europa #governance #mondo #nucleare

Per affrontare un argomento tanto complesso quanto l'energia, i team del LEAP hanno fatto appello all'intelligenza collettiva del GEAB. Attraverso il GEAB Café del 20 aprile 2021 e la partecipazione [...]