Home Les bulletins GEAB GEAB 112 Investimenti, tendenze e raccomandazioni (feb 2017)

GEAB 112

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Feb 2017

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (feb 2017)

Euro: continuare a crederci

Oggi, il team LEAP ritiene che le difficoltà dell’euro di cui sentiamo parlare sono da intendersi più come «cambiamento di rotta» che di «fine dell’euro». Le minacce di uscita dall’euro provengono da quei mercanteggiamenti che sono diventati i negoziati tra tutti gli attori coinvolti, da interessi radicalmente divergenti. Ad essere crollato nella crisi dell’euro non è l’euro stesso ma il metodo comunitario. La Germania sta per riprendere il controllo della governance dell’euro, Parigi sta per diventare la prima grande piazza finanziaria europea, l’UE dei 27 è nelle mani di un polacco che si preoccupa di mantenere il peso politico degli Stati Uniti ai vertici dell’unione economica, le estreme destre ci sono per placare il malcontento che potrebbe suscitare un’Europa gestita da alcuni grandi paesi. E non appena gli affari ricominceranno a carburare, le grandi intenzioni di democratizzazione recentemente espresse verranno dimenticate. Almeno però il sistema istituzionale europeo funzionerà di nuovo per servire gli interessi economici resi insoddisfatti negli ultimi anni dalla perdita di efficienza derivata dall’enorme disarmonia legata all’insostenibile molteplicità dei committenti. La semplificazione è in corso, e in questo momento anticipiamo solo una riforma dell’euro che andrà rafforzandosi.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Nella crisi sistemica globale che stiamo attraversando, già da qualche anno il nostro team parla di «disorganizzazione statistica» per qualificare l’incapacità degli strumenti attuali di misurare l’economia reale, se non [...]

15-16 febbraio – Astana: Prossimo ciclo dei negoziati di pace sulla Siria L’iniziativa di pace in Siria lanciata dalla Russia, dalla Turchia e dall’Iran dopo l’accordo per il cessate il [...]

Anticipiamo che quest’anno e il prossimo questo Stato europeo affronterà difficoltà di tipo economico, culturale e politico. In primo luogo, l’aumento dell’euro nuocerà in modo considerevole al buon livello delle [...]

L’Europa post-Brexit non ha bisogno che le estreme destre arrivate al potere siano in sintonia con il modello nazional-europeista proposto dai britannici. L’antagonismo tra il livello europeo e i livelli [...]

Dalle analisi ottimiste sul mercato immobiliare europeo leggiamo qua e là che la «ripresa» c’è, che il settore gode di buona salute ecc. I nostri lettori ne dubitano, il nostro [...]

Articoli correlati
Geta Moldovan
15 Mar 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (mar 2019)

#Criptomonete #Investimenti #oro #petrolio #valori

Investimenti, tendenze e raccomandazioni. Ricordiamo che le nostre raccomandazioni non hanno scopo speculativo; esse non intendono stabilire guadagni maggiori bensì perdite minori (se non tutto), poiché nel contesto di una [...]

Geta Moldovan
15 Mar 2019

Verso una «Sfera Economica Francofona» (SEF)

#economia #Europa #francofonia #lingue #mondo

Emmanuel Macron ha assunto il potere per servire un programma europeo che passa per il reinserimento della Francia – emarginata dal 2003 ma senza la quale non c’è Europa – [...]

Geta Moldovan
15 Mar 2019

Elezioni europee/Europa 2040: “E adesso qualcosa di completamente diverso”

#elezioni #Europa #geopolítica #governance

(Rivolto agli attori della campagna europea) In questo numero si parla molto di epiloghi! Per quanto riguarda l’Unione, tappa dell’integrazione europea nata il 7 febbraio 1992 a Maastricht, le prossime [...]