Home Les bulletins GEAB GEAB 116 Questioni future – Balcani: Trait d’union o nuovo ordigno euro-russo?

GEAB 116

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2017

Questioni future – Balcani: Trait d’union o nuovo ordigno euro-russo?

Riguardo a quanto sta accadendo ultimamente nei Balcani, sembra che gli occidentali stiano vincendo la partita contro la Russia: in Macedonia, il nuovo governo di Zoran Zaev sta trovando una soluzione sulla disputa che lo ha opposto alla Grecia impedendone la candidatura alla NATO e all’Unione[1]; il 5 giugno Montenegro si è unito alla NATO; anche nella pro-russa Serbia, dalla fine di maggio il leader dello Stato è il pro-europeo Aleksandar Vucic.

Se alla fine l’obiettivo è sicuramente l’integrazione dei Balcani all’Unione, la prima tappa prevista da Johanes Hahn, Commissario Europeo per l’Allargamento, prevede la creazione di un Mercato Comune dei Balcani Occidentali (Albania, Bosnia, Kosovo, Macedonia, Montenegro, Serbia).

Sulla carta tutto questo si presenta bene, ma i problemi irrisolti alla base dei quali è stata stabilita tale strategia, in grado di crearne rapidamente di nuovi, sono numerosi. Eccone una lista in ordine sparso che non resta che sperare essere sul tavolo dei grandi strateghi della Commissione Europea:

. le ultime «vittorie» elettorali forzate favorevoli all’Unione sembrano garantire personalità e regimi piuttosto lontani dei presunti «valori europei»: Vucic è un leader autoritario la cui vittoria proviene dal controllo dei media, Zaev è meno impopolare, ma le condizioni nelle quali si è ritrovato alla guida del paese sono molto complicate a costo, in particolare, di gravi concessioni alle minoranze albanesi[2]; in quanto al grande alleato kosovaro, il prossimo governo dovrà far fronte alle accuse di crimini di guerra contro i serbi, i Rom e i kosovari albanesi rivolte dalla Serbia e presentate dal Tribunale internazionale di L’Aia.

. La NATO e l’Unione hanno ottenuto i governi che volevano, ma i popoli, in particolare quello serbo, non sono ancora consapevoli di una logica di confronto con la Russia; ora, se il progetto di Mercato Comune dei Balcani è pertinente, la tesi chiaramente esposta da Johanes Hahn di contrastare l’influenza russa nella regione dimostra come il progetto occidentale segua un’ideologia anti-russa.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

I nostri cari lettori non saranno rimasti sorpresi dal risultato delle elezioni anticipate di Theresa May. Non solo avevamo previsto una sconfitta della May, malgrado i sondaggi a favore; nel [...]

Per approfondire la zona euro, la Commissione Europea sta per proporre la creazione di prodotti cartolarizzati di debito sovrano europeo. Proposta che per gli Eurobond potrebbe essere un’alternativa più che [...]

Il destino degli Stati Uniti da un lato e dell’Europa dall’altro presentano preoccupanti somiglianze. Proprio come la Brexit, evento negativo in sé, che ha liberato un’Unione paralizzata da un vasto [...]

Il lavoro di anticipazione va svolto considerando quelli che chi si occupa di anticipazione chiama «segnali deboli». Si tratta di informazioni accessibili poco diffuse dal sistema mediatico e particolarmente illuminanti [...]

Petrolio: in controtendenza Il giorno in cui la coalizione intorno all’Arabia Saudita annuncia una rottura delle relazioni diplomatiche con il Qatar, facendo incombere una minaccia di «kuwaitizzazione» del Qatar, i [...]

Articoli correlati
Geta Moldovan
15 Feb 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (feb 2019)

#Criptomonete #euro #finanza #Investimenti #oro #petrolio

Investimenti, tendenze e raccomandazioni. Ricordiamo che le nostre raccomandazioni non hanno scopo speculativo; esse non intendono stabilire guadagni maggiori bensì perdite minori (se non tutto), poiché nel contesto di una [...]

Geta Moldovan
15 Feb 2019

Gas nucleare/Germania-Francia: due colossi per un’Europa dell’energia

#Energía #Europa #gas

Nel 2014, nel contesto della crisi ucraina in parte motivata dall’energia, gli europei si sono resi conto che sessantatre anni dopo la firma del trattato della CECA, punto di partenza [...]

Geta Moldovan
15 Feb 2019

Stati – oro- cripto: i tre pilastri di una prossima moneta internazionale

#bitcoin #Criptomonete #euro #governance #oro

La tendenza al ripiegamento nazionale o regionale c’è sicuramente. Ma c’è anche Internet che collega il mondo in modo durevole. La società umana globalizzata, di fatto, sta tentando di trovare [...]