Home Les bulletins GEAB GEAB 116 I deboli segnali di tendenza: la nostra selezione (Giu 2017)

GEAB 116

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2017

I deboli segnali di tendenza: la nostra selezione (Giu 2017)

Il lavoro di anticipazione va svolto considerando quelli che chi si occupa di anticipazione chiama «segnali deboli». Si tratta di informazioni accessibili poco diffuse dal sistema mediatico e particolarmente illuminanti sulle grandi evoluzioni della società. Prestarvi attenzione, interpretarle e incrociarle tra loro fa parte del lavoro di ogni decisore desideroso di dotarsi di quella visione d’emblée necessaria per una chiara presa di posizione. Tali segnali sono innumerevoli. Ve ne proponiamo un elenco a intervalli regolari. Come il «calendario futuro», la nostra «selezione di segnali deboli» è uno strumento più concreto destinato ad accrescere la capacità di anticipazione individuale dei nostri lettori.

Nel mondo, la telefonia mobile sta per registrare il cinque-miliardesimo abbonato mobile privato. Due terzi della popolazione mondiale è ormai connessa, di cui il 55% nella regione pacifica. Il 15 giugno ha segnato la fine del roaming in Europa: nell’Unione Europea, in Norvegia, Islanda e Liechtenstein 465 milioni abbonati non dovranno più sostenere spese di roaming[1]. La telefonia mobile fa parte della società globale proprio come c’erano le vie nel mondo romano 2000 anni fa; questa volta però non sono più i luoghi ad essere connessi, ma direttamente le persone; e lungo queste innumerevoli vie di comunicazione vengono avviate numerose attività economiche e sociali. Ogni entità connessa diventa istantaneamente un riflesso del tutto. Ciascun individuo connesso è un microcosmo. La società umana diventa un organismo unico. L’ottimizzazione del funzionamento di questo nuovo paradigma sociale è un argomento vasto dove tutto è da inventare (istruzione, metodi di lavoro, democrazia, saggezza…).

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

I nostri cari lettori non saranno rimasti sorpresi dal risultato delle elezioni anticipate di Theresa May. Non solo avevamo previsto una sconfitta della May, malgrado i sondaggi a favore; nel [...]

Per approfondire la zona euro, la Commissione Europea sta per proporre la creazione di prodotti cartolarizzati di debito sovrano europeo. Proposta che per gli Eurobond potrebbe essere un’alternativa più che [...]

Il destino degli Stati Uniti da un lato e dell’Europa dall’altro presentano preoccupanti somiglianze. Proprio come la Brexit, evento negativo in sé, che ha liberato un’Unione paralizzata da un vasto [...]

Riguardo a quanto sta accadendo ultimamente nei Balcani, sembra che gli occidentali stiano vincendo la partita contro la Russia: in Macedonia, il nuovo governo di Zoran Zaev sta trovando una [...]

Petrolio: in controtendenza Il giorno in cui la coalizione intorno all’Arabia Saudita annuncia una rottura delle relazioni diplomatiche con il Qatar, facendo incombere una minaccia di «kuwaitizzazione» del Qatar, i [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Nov 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (nov 2019)

#Criptomonete #Energía #finanza #Investimenti #oro #petrolio

Ingresso in Borsa di Aramco: un'altra svolta Saudi Aramco illustra alla perfezione il problema che vediamo cominciare a risolversi nel 2020 con la realizzazione di un nuovo sistema monetario e [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Nov 2019

Eurodigitale: dall’Eurozona a Eurozon.com

#Criptomonete #euro #eurozona #finanza #gafa #Investimenti

È da un anno che anticipiamo l’arrivo delle monete digitali delle banche centrali (MDBC). Sono in particolare i discorsi di Christine Lagarde al FMI ad averci messo la pulce nell’orecchio. [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Nov 2019

Crisi sistemica globale – 2020: avvio della fase di stabilizzazione

#clima #crisiglobale #finanza #IA #societa

In un pianeta-media a giusto titolo focalizzato sulla catastrofe ecologica, sulle rivolte popolari, sui rischi bellici e sulla crisi finanziaria del 2020, il titolo è provocatorio. Il nostro lavoro non [...]