Home Les bulletins GEAB GEAB 116 Investimenti, tendenze e raccomandazioni (Giu 2017)

GEAB 116

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2017

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (Giu 2017)

Petrolio: in controtendenza

Il giorno in cui la coalizione intorno all’Arabia Saudita annuncia una rottura delle relazioni diplomatiche con il Qatar, facendo incombere una minaccia di «kuwaitizzazione» del Qatar, i prezzi del petrolio… calano. Non è la prima volta che notiamo che possibili conflitti non provochino un’impennata dei prezzi. Questo convalida le nostre anticipazioni sugli assi che seguiamo da tempo: le transizioni energetiche (energie rinnovabili, gas, nucleare) ed economiche (e-economy più efficiente dal punto di vista energetico) hanno definitivamente spodestato il re-petrolio che non fa più il buono e il cattivo tempo e il cui valore dipende ormai dalla capacità dei principi nell’intendersi tra loro sui volumi di produzione (cooperazione OPEC e NOPEC). L’aumento delle tensioni tra Arabia Saudita e Iran fanno anticipare ai mercati una rimessa in discussione degli accordi tra i paesi produttori, e quindi rischi di un nuovo aumento della soglia di produzione giustificando un immediato calo dei prezzi. È di sicuro una buona notizia, ovvero un (grosso) motivo in meno per farsi la guerra. Non deve sorprendere quindi che il nostro team anticipi che il periodo di tensioni intorno al Qatar rischiano di fare oscillare i prezzi che si riprenderanno puntualmente nel momento in cui verranno messe in pratica delle proposte di risoluzione per poi raggiungere di nuovo i 50 dollari al barile, se non superarli leggermente, qualora la crisi propini una strategia di rafforzamento delle cooperazioni regionali e sovranazionali. 

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

I nostri cari lettori non saranno rimasti sorpresi dal risultato delle elezioni anticipate di Theresa May. Non solo avevamo previsto una sconfitta della May, malgrado i sondaggi a favore; nel [...]

Per approfondire la zona euro, la Commissione Europea sta per proporre la creazione di prodotti cartolarizzati di debito sovrano europeo. Proposta che per gli Eurobond potrebbe essere un’alternativa più che [...]

Il destino degli Stati Uniti da un lato e dell’Europa dall’altro presentano preoccupanti somiglianze. Proprio come la Brexit, evento negativo in sé, che ha liberato un’Unione paralizzata da un vasto [...]

Riguardo a quanto sta accadendo ultimamente nei Balcani, sembra che gli occidentali stiano vincendo la partita contro la Russia: in Macedonia, il nuovo governo di Zoran Zaev sta trovando una [...]

Il lavoro di anticipazione va svolto considerando quelli che chi si occupa di anticipazione chiama «segnali deboli». Si tratta di informazioni accessibili poco diffuse dal sistema mediatico e particolarmente illuminanti [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (giu 2020)

#cripto #dollaro #finanza #Investimenti #petrolio

Petrolio: spostamento di un altro baricentro La Cina, primo importatore di petrolio, sta finalizzando la protezione del proprio sistema di approvvigionamento energetico. La sua strategia è fondata sulla diversificazione delle [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Energia 2020-2050: La Cop26 deve tracciare la strada verso un futuro intelligente dell’energia

#Energía #finanza #governance #mondo #petrolio

Al giorno d'oggi, i produttori di energia, distributori e investitori nel mondo stanno affrontando una triplice difficoltà: calo della domanda, calo di capacità e guerre di prezzi, i quali vanno [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Il mondo di dopo: ascesa del cittadino digitale sovrano

#bitcoin #cripto #finanza #Investimenti #mondo #societa

"Il nuovo oro nero sono i dati digitali": questo detto è noto, ma gli obiettivi un po' meno. Secondo Satya Nadella, amministratore delegato della Microsoft, il mondo ha recuperato due [...]