Home Les bulletins GEAB GEAB 124 Verso una zona euro gestita dall’intergovernatività

GEAB 124

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Apr 2018

Verso una zona euro gestita dall’intergovernatività

La costruzione di una struttura federale per la zona euro sembra ormai essere partita con il piede sbagliato. Il progetto avviato dal governo francese di creare istituzioni proprie all’unione monetarie al fine di rafforzarne la costruzione, in particolare un ministro delle finanze della zona euro dotato di un proprio budget e di una convergenza dei tassi di imposizione sulle imprese[1] poteva già sembrare un obiettivo molto ridotto considerando la posta in gioco, ma ha rappresentato un primo passo verso la costruzione di un’infrastruttura necessaria per il buon funzionamento della moneta unica.

Il blocco tedesco alla federalizzazione della zona euro

Questo obiettivo ridotto sembra già compromesso. A marzo, lo sblocco della situazione politica tedesca, che era il pretesto per giustificare il mantenimento dello status quo, non ha portato a qualcosa di decisivo. Il Consiglio europeo del 22 marzo 2018, nel momento in cui ha aperto il cantiere di riflessioni, nelle proprie conclusioni non si è pronunciato sulla questione[2]. Il 10 marzo, il settimanale tedesco Der Spiegel aveva annunciato che il governo federale tedesco non era disposto a portare avanti il caso[3]. Ufficialmente, questa impossibilità è stata legata alla durata dei negoziati tra i partner della «grande coalizione» di Berlino, ma questa scusa sembra non essere accettabile poiché l’integrazione europea è, ufficialmente, uno dei punti d’accordo tra SPD e CDU/CSU[4].

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Nella prospettiva della sicura rielezione di Narendra Modi l’anno prossimo, è tempo di fare un bilancio del primo mandato del primo ministro indiano, un bilancio quantomeno modesto tanto sul piano [...]

Recentemente, l’Arabia Saudita ha inviato un grande segnale nella realizzazione del Nuovo Medio Oriente, perfettamente in linea con tutte le nostre anticipazioni su questa regione del mondo. Facciamo quindi un [...]

Tre volte l’anno, il GEAB propone ai propri lettori una selezione di «segnali deboli» consistente in brevi articoli divisi per settore (ambiente, finanza, tecnologia, geopolitica, ecc.) rivelatori delle profonde trasformazioni [...]

- Petrolio-gas: buona notizia per i paesi produttori - Iran: non tarderà - Mercati «frontiere»: opportunità in vista Petrolio-gas: buona notizia per i paesi produttori Gli annunci dell’attacco, e poi [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Secondo semestre 2020 – Il test europeo della pace in Medio Oriente

#Europa #israele #mediooriente #statiuniti

A priori l'Europa sembra essere oggi molto più compatibile con il mondo multipolare del XXI secolo rispetto agli Stati Uniti. Ma dovrà dimostrarlo ancora una volta. È a partire dal [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Europa 2020-2028: 750 miliardi per cambiare paradigma… e salvare gli Stati Uniti

#clima #Europa #governance #statiuniti

Mentre il virus sta attaccando il centro del reattore occidentale «per come lo conosciamo dal 1945», ovvero l'America, al centro della scena sta mettendo un'Europa rigenerata da dodici anni di [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Covid-19/America21: fatale reazione a catena

#blacklivesmatter #coronavirus #covid #Europa #statiuniti #trump

Il mese scorso abbiamo anticipato un rischio di deragliamento del meccanismo plurisecolare delle elezioni americane. Con ottimismo, abbiamo avanzato l'ipotesi che un contesto eccezionale potrebbe portare ad elezioni straordinarie che [...]