Home Les bulletins GEAB GEAB 114 2017-2020: Crisi dell’euro: una soluzione di compromesso nazionale per un’Europa non democratica

GEAB 114

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Apr 2017

2017-2020: Crisi dell’euro: una soluzione di compromesso nazionale per un’Europa non democratica

Nel GEAB 109 del novembre 2016 ci chiedevamo se «l’euro fosse sopravvissuto al 2017». Cinque mesi dopo vorremmo approfondire e completare questa nostra analisi. Una delle ragioni della debolezza dell’euro proviene infatti o dall’anemia politica della zona euro, troppo poco integrata per permettersi una moneta unica, oppure da una concezione inadeguata di questa moneta unica per una zona eterogenea (il che, se possiamo permetterci l’espressione, rappresenta l’altra faccia della medaglia).

I nostri lettori conoscono bene la nostra tesi consistente nell’ancorare la governance della moneta unica ad una democrazia comune che affermerebbe istantaneamente tutti i principi di solidarietà, di convergenza economica e di miglioramento necessari per fare della zona euro un attore economico potente e coerente a livello mondiale.

Questa strada la vediamo però farsi sempre più lontana. I progetti del Parlamento della zona euro avviati da una parte all’altra (Schäuble, Macron, Hamon) mancano seriamente di immaginazione, accontentandosi di voler riunire parlamentari nazionali ed europei (tutti eletti su base nazionale) della zona euro in una nuova cerchia «democratica» che, in realtà, non ha alcuna possibilità di radunare rappresentanti europei in tema di governance della moneta.

La tendenza di fondo va verso un asserito e massiccio ritorno della governance europea nelle mani del livello nazionale (progetto, in particolare, dei radicali di destra ma anche del centro con il progetto di un’Europa a più velocità esclusivamente fondata su una nuova forza politica legittima degli Stati membri, eliminando dai giochi gli euro cittadini… con il pretesto che sarebbero troppo antieuropei – quando si guarda alle soluzioni dei politici ci si può chiedere chi è il più antieuropeo). 

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Questa espressione di «ricomposizione caotica» ci è apparsa riassumere molto bene la tappa di sviluppo della crisi nella quale ci troviamo, una tappa che si compie nell’arco di quattro anni [...]

La crisi finanziaria prima e del debito poi hanno portato ad una modifica sostanziale del mandato della BCE e di fatto a disposizioni più politiche. La BCE ha acquisito impliciti [...]

Eurodiversificazione Nell’ambito della nostra anticipazione di cui sopra sulla probabile riforma dell’euro, il nostro team raccomanda di «diversificare i propri euro»… molto semplicemente mettendo parte i risparmi liquidi in euro [...]

Articoli correlati
Geta Moldovan
15 Giu 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (giu 2019)

#Criptomonete #Énergie #oro #petrolio

Criptomonete: oro 2.0? Con la massima prudenza e la diversificazione e la flessibilità per ridurre i rischi, vi consigliamo di prendere posizione nelle cripto, le quali presentano ormai caratteristiche di [...]

Geta Moldovan
15 Giu 2019

Petrolio: l’era del deflusso

#Investimenti #petrolio

Ci troviamo ormai nella quinta – e probabilmente ultima – ondata dell’era del petrolio. Ci sono ora tutte le condizioni per lasciarci alle spalle la dipendenza dal petrolio: anticipazione dell’esauribilità [...]

Geta Moldovan
15 Giu 2019

«L’Europa insiste a finanziare il presente laddove gli americani e i cinesi finanziano il futuro.»

#economia #Europa #new tech

Intervista ad Éric Leandri, Presidente e direttore generale di Qwant Presidente, direttore generale e cofondatore di Qwant, motore di ricerca francese, Éric Leandri condivide con il GEAB la convinzione che [...]