Home Governance dell’euro/Horizon 2020 : l’inevitabile evoluzione del mandato unico della BCE

GEAB 114

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Apr 2017

Governance dell’euro/Horizon 2020 : l’inevitabile evoluzione del mandato unico della BCE

La crisi finanziaria prima e del debito poi hanno portato ad una modifica sostanziale del mandato della BCE e di fatto a disposizioni più politiche. La BCE ha acquisito impliciti mandati di salvaguardia dell’euro e di politica economica che superano ampiamente l’iniziale obiettivo di stabilità dei prezzi. L’ambiguità attuale non potrebbe durare e l’estensione del mandato potrebbe essere uno dei grandi dibattiti europei all’inizio del 2020.

Nel rapporto sulla Banca Centrale Europea, (BCE) pubblicato il 28 marzo 2017 dall’associazione di lotta alla corruzione e per la trasparenza, Transparency International[1], è stata chiaramente posta la questione della natura del mandato di tale istituzione e delle conseguenze sulla responsabilità di quest’ultima. « Le misure estreme prese dalla BCE dal 2008, si leggeva nel rapporto, hanno portato la banca a estendere il suo mandato fino al punto di rottura ponendo la questione del quadro di responsabilità » dell’istituzione. Infatti, a quasi vent’anni dalla nascita, il mandato della BCE non è mai stato tanto debole.

Il decennio del successo del mandato originale

Tale mandato è stato definito dall’articolo 127 del Trattato di Maastricht del 1992 e fa della BCE il custode della stabilità dei prezzi nella zona euro[2]. Questa stabilità, in seguito definita dal Consiglio Direttivo con un’«inflazione annuale dei prezzi al consumo inferiore ma vicina al 2%»[3], è legalmente l’unica responsabilità che spetta alla BCE. L’ex presidente fino al 2011, Jean-Claude Trichet, ripeteva che aveva «un solo ago sulla propria bussola»[4], quella della stabilità dei prezzi. E il successore, Mario Draghi continua a ribadire i termini del contratto[5]

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Questa espressione di «ricomposizione caotica» ci è apparsa riassumere molto bene la tappa di sviluppo della crisi nella quale ci troviamo, una tappa che si compie nell’arco di quattro anni [...]

Nel GEAB 109 del novembre 2016 ci chiedevamo se «l’euro fosse sopravvissuto al 2017». Cinque mesi dopo vorremmo approfondire e completare questa nostra analisi. Una delle ragioni della debolezza dell’euro [...]

Eurodiversificazione Nell’ambito della nostra anticipazione di cui sopra sulla probabile riforma dell’euro, il nostro team raccomanda di «diversificare i propri euro»… molto semplicemente mettendo parte i risparmi liquidi in euro [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Giu 2022

Segnali deboli geopolitici : sintesi di un mondo che cambia

#brics #geopolítica #governance #Ucraina

BRICS + Se il continente europeo sembra vivere al passo con l'invio di armi all'Ucraina e le ondate degli shock politici che il conflitto provoca nelle nostre società, questa guerra [...]

GEAB
15 Giu 2022

Fine 2022 – La firma dell’accordo di pace tra Armenia e Azerbaigian inaugura un nuovo futuro per il sud del Caucaso

#caucaso #geopolítica #governance #mondo

Attualmente la crisi ucraina sta permettendo a molti paesi di muovere le proprie pedine. Tra questi ritroviamo in primis la Turchia, la quale, in collaborazione con Israele, sta escogitando il [...]

GEAB
15 Giu 2022

2023 – 2025: rischi di blackout. Rispondere all’imperativa necessità di prosilienza

#economia #Energía #finanza #geopolítica #governance

Negazione, illusione di sicurezza, sensazione di impotenza e impreparazione sembrano prevalere in materia di preparazione della popolazione a rischio di blackout su scala europea. Blackout, un termine che spaventa e [...]