Home 2020: la trappola transatlantica della nuova Grecia

GEAB 138

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Ott 2019

2020: la trappola transatlantica della nuova Grecia

Dall’8 luglio scorso, la «parentesi Tsipras» che ha fatto tanto infuriare Unione Europea, Stati Uniti e tanti altri interessi, si è chiusa. Il vento di speranza e rinnovamento che è soffiato sul paese nel 2015, quando un uomo non proveniente da nessuna delle grande dinastie (Samaras,  Mitsotakis, Papandreou, Karamanlis) è riuscito a porsi al vertice dello Stato greco con un programma di profonda riforma dell’oligarchia, ha avuto vita breve: volendo essere precisi, quattro mesi e diciotto giorni.

Quattro anni, quattro mesi e diciotto giorni a battersi contro le famiglie regnanti, l’esercito, la Chiesa, gli interessi economici del paese sicuramente, il tutto abbondantemente sostenuto da Unione Europea, Germania, FMI e Stati Uniti. Alexis Tsipras aveva ben poche possibilità di sopravvivere a tutto questo. A partire dal 2016, gran parte dei bracci di ferro e dei progetti di riforma si sono rivelati un fallimento: costretto a piegarsi alle esigenze della Troïka e non riuscendo a scindere chiesa e stato… ha dovuto accontentarsi, a mo’ di vittoria, dei matrimoni gay e dell’accordo Prespa sul nome della Macedonia, due progressi che hanno finito per radicalizzare contro di lui l’ala conservatrice dell’opinione, fornendo elementi interessanti alla campagna populista di Nuova Democrazia (in particolare sull’accordo Prespa). Alexis Tsipras ha gettato la spugna, preferendo convocare elezioni anticipate[1] piuttosto che continuare a ingoiare il rospo. Non si può fare l’impossibile…

Ed ecco l’affascinante Kyriakos Mitsotakis, rampollo di una delle «famiglie» leader della Grecia, con buona pace dei grandi interessi legati al paese. Ritorno al business as usual.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

A mo’ di sintesi e di introduzione alla nostra «Agenda globale del futuro dell’Europa in 56 date», anticipiamo una fine d’anno piena di sorprese e di capovolgimenti di situazione – [...]

Per poter progredire in un mondo complesso e in piena transizione, tanto vale munirsi di un GPS. Questo calendario del futuro triennale è una delle tante guide proposte dal GEAB [...]

Il settore chimico in Europa sta affrontando molte sfide poste dai cambiamenti di competitività, da problemi di sviluppo globale e locale, nonché dall’innovazione normativa e tecnologica. A priori, l’Europa non [...]

Politica monetaria – Attenti a non sbandare Il passaggio a semaforo verde degli indicatori economici legati alla riduzione delle tensioni commerciali di fine anno, accompagnato alla ribellione contro le politiche [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Dic 2021

Valutazione delle anticipazioni per il 2021: 77% di successo

#crisi #Europa #geopolítica #mondo #tendenze #Valutazione

Come avevamo già osservato lo scorso anno, la crisi sanitaria ha accelerato tutti i processi di trasformazione sistemica che avevano trascinato nel fondo governi e imprese paralizzati dalla routine. Poiché [...]

GEAB
15 Dic 2021

La mappa della Germania per il 2022-2025: un governo multipolare per un mondo multipolare

#Europa #geopolítica #Germania

In Germania, tre partiti hanno appena creato con successo un nuovo governo in tempi record firmando un accordo di coalizione e l'elezione di Scholz da parte del Bundestag. Il nostro [...]

GEAB
15 Dic 2021

Crisi del futuro 2022-2025: l’Occidente si è sbagliato sul futuro?

#economia #Europa #futuro #geopolítica #spazio #Stati Uniti

All'orizzonte si profila l'ombra del Web3. Si presenta già come una nuova rivoluzione, venticinque anni dopo quella di Internet da cui le nostre società cominciano a malapena a riprendersi. Nuova [...]