Home Editoriale -Trump o Biden? L’illusione della scelta

GEAB 184

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Apr 2024

Editoriale -Trump o Biden? L’illusione della scelta

© Kerozen Concept (AI generated image)

In un mondo in cui gli sconvolgimenti si susseguono sempre più vicini, è facile apprezzare le costanti. Le elezioni presidenziali americane sono sempre una soap opera appassionante. La madrepatria di Hollywood sa come catturare l’attenzione del resto del mondo e questa stagione non fa eccezione. Ora che il ritmo perfetto dell’alternanza tra repubblicani e democratici è stato spezzato, i giochi sono di nuovo fatti e la suspense è al massimo, se non fosse che in ogni bello spettacolo c’è un’illusione, in questo caso quella della scelta. Per chi ancora ci crede, niente paura: anche se il presente ha raggiunto il futuro, rendendo i classici della fantascienza una realtà a volte inquietante, non c’è rischio di delusione: le sorprese ci saranno ancora. Spoiler alert!

Questa alternanza regolare era una caratteristica necessaria per lo status di leader globale degli Stati Uniti, che è stato gravemente eroso negli ultimi due mandati. Il nostro team sta ora anticipando la risposta americana al mondo multipolare. Ci siamo, l’Impero contrattacca. Questo contrattacco è già iniziato e ha anche dimostrato la sua validità, diffondendosi gradualmente nel corso dei due mandati di Trump e Biden, per cui il sostegno è unanime. Per questo non importa chi vincerà le elezioni, la strategia è comune a entrambi i partiti e già in atto, e lo sarà anche per il prossimo mandato. È una strategia classica, un ritorno alle origini, di reindustrializzazione con un taglio protezionistico. Non si tratta di una strategia ripiegata su se stessa, ma di una strategia che si concentra sul Paese nel suo complesso per proiettarsi in modo più efficace sulla scena internazionale.

Se non fosse che l’industria di oggi e di domani è dominata dalle Big Tech, vincolata da limiti globali e si svolge contemporaneamente alla diffusione dell’IA. Un nuovo contesto che inverte i rapporti di forza tra il potere politico e quello privato delle major della Silicon Valley. E poiché per affermarsi come leader globale è necessaria la stabilità, che i partiti politici non possono più garantire, saranno le Big Tech a fornirla. Così la Silicon Valley prenderà le redini dell’e-Empire, e questa è la prima conseguenza che prevediamo in Stati Uniti 2025 – L’e-Impero colpisce ancora.

Al di là della reindustrializzazione, come sarà il contrattacco di questo impero elettronico? Una concezione assoluta del progresso, inteso come accumulazione, e, quando ci si scontra con i limiti planetari, una verticalità autoritaria del potere per decidere una nuova distribuzione delle libertà di consumo. Nel articolo Elezioni USA: i tecnici conquistano l’Impero… Sì, ma quale? il nostro team delinea l’ideologia che sarà veicolata dalle Big Tech a capo dell’e-Impero, una realtà fantascientifica che sarà imposta alla popolazione americana prima che i satelliti Starlink la trasmettano al resto del mondo.

E quale modo migliore di lanciare il contrattacco dell’Impero elettronico se non dirottando un simbolo Cypherpunk? Notando che gli Stati Uniti sono in ritardo nello sviluppo di un e-dollaro, i nuovi sostenitori del potere americano reinventato non esiteranno a mettere le mani sul Bitcoin e a farlo lavorare per loro. La realtà è spesso deludente e chi sognava, attraverso le criptovalute, un altro sistema monetario non troverà nel 2025 – Bitcoin moneta internazionale dell’e-Impero: come Blackrock, lo Stato americano e Big Tech prenderanno il controllo del Bitcoin.

Il resto del mondo è affascinato dalle elezioni americane, ma non ne è paralizzato. Continua a evolversi sotto l’influenza di tendenze simili. La Silicon Valley e Washington non sono le uniche a essere colpite dall’inversione di ruolo, l’Impresa post-ChatGPT: accelerando l’emergere dell’azienda-stato. Marie-Hélène Caillol condivide con noi i risultati della sua ricerca iniziale condotta nell’ambito del programma PERF dell’INSEEC-MSc, identificando le tendenze derivanti dall’adozione precoce degli strumenti di IA. L’immobilità del mondo nell’anno 2024 è minima, per questo è essenziale un rapporto sullo stato di avanzamento delle varie elezioni, Uno sguardo al calendario elettorale del 2024: segnali deboli di un mondo che cambia. Infine, per non dimenticare le costanti in questo incessante fermento, le Tendenze e le Raccomandazioni d’investimento vi aspettano.

Abbonarsi

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

La perdita di potere degli Stati Uniti negli ultimi anni non è stata un segreto. Il nostro team è stato il primo, in questa newsletter, ad anticipare ampiamente l'avvento di [...]

Il dibattito su chi tra i capi delle più grandi aziende tecnologiche statunitensi o i presidenti degli Stati Uniti che si sono succeduti eserciti il potere maggiore va avanti ormai [...]

Nel suo contrattacco, l'e-Impero americano non può ignorare la sua arma preferita: il dollaro. È impossibile reinventare il potere americano e il suo dominio sul sistema globale senza reinventare l'egemonia [...]

Marie-Hélène Caillol, presidente di LEAP e autrice di questo articolo, si basa sul lavoro svolto con il Centro di Eccellenza Real-Futur della business school INSEEC-MSc, da lei fondato e che [...]

Mentre due elezioni concentrano l'attenzione del mondo - le elezioni europee di giugno e le elezioni presidenziali statunitensi del 5 novembre - ci sono altre elezioni nel calendario internazionale che [...]

Dimezzamento del Bitcoin, posizionamento a brevissimo termine A seguito del nostro articolo sul recupero del Bitcoin da parte degli Stati Uniti, vi consigliamo di continuare a posizionarvi per il brevissimo [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Giu 2024

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (giu)

#BCE #Investimenti #oro #petrolio

Oro in azioni Scriviamo sempre dell'oro come risorsa metallica su cui investire. Ma le azioni dell'oro comprendono anche le azioni dei gruppi minerari, i cui margini, che sono ben lungi [...]

GEAB
15 Giu 2024

2030: Gli asset strategici europei divorati dagli investimenti sauditi

#arabiasaudita #geopolítica #Investimenti #mondo

Gli investimenti in Europa stanno diventando uno dei pilastri della strategia dell'Arabia Saudita per staccarsi dal petrolio. Dietro a progetti mediatici come la Linea, si può notare un certo riequilibrio [...]

GEAB
15 Giu 2024

2025-2029: il dollaro prende il sopravvento sull’euro che si indebolisce

#dollaro #economia #euro #finanza #mondo #UE

Le prospettive economiche dei Paesi occidentali appaiono poco rosee, a giudicare da una serie di indicatori. Dopo la decisione di tagliare leggermente i tassi d'interesse e con i due paesi [...]