Home Les bulletins GEAB GEAB Dossier speciale Elezioni europee 2019: L’estrema destra diventa il gruppo parlamentare ultra-dominante del Parlamento europeo (mar 2017)

GEAB Dossier speciale

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 14 Ago 2020

Elezioni europee 2019: L’estrema destra diventa il gruppo parlamentare ultra-dominante del Parlamento europeo (mar 2017)

Questa anticipazione non è molto originale ma va comunque fatta con tutta la lucidità richiesta. È solo un’ipotesi ma già una certezza: le estreme destre europee coalizzate costituiranno il gruppo parlamentare più coerente, e quindi più potente, del prossimo Parlamento europeo, indipendentemente dai risultati delle prime elezioni nazionali. A contare sarà la natura ormai transeuropea del loro progresso.

Minoritarie a livello nazionale, dominanti a livello europeo

Il meccanismo è semplice: una forza politica strutturata a livello transeuropeo (che presenti una lista e un programma comuni nei vari paesi dell’Unione) diventa automaticamente un gruppo parlamentare dominante al Parlamento europeo anche ottenendo un punteggio molto basso in ciascun paese. Ora, il punteggio che i partiti di estrema destra potranno ottenere alle prossime elezioni europee del 2019 sarà tutt’altro che basso. Paradossalmente, sarà la natura nazionale delle elezioni europee ad agevolare i programmi nazionalisti di una delle rare correnti politiche organizzate a livello transeuropeo: l’estrema destra.

[…] In sintesi, a dividersi oggi l’estrema destra dello scacchiere politico europeo sono tre gruppi parlamentari dei quali due britannici (ELDD) o britannico-polacchi (CRE) e la terza franco-olandese (ENL). Da questo semplice quadro si comprende il potenziale di adesione dell’ENL nel 2019. Naturalmente, l’altra prospettiva di consolidamento dell’ENL è l’aumento di punteggio che questi partiti possono ottenere nel 2019.

[…] Indipendentemente dall’entità del gruppo ENL, alla fine l’opera di messa in comune programmatica realizzata a monte delle elezioni europee sarà garante di una coesione che nessun gruppo politico ha mai avuto in seno al Parlamento europeo. Ora, se il Parlamento europeo è sempre stato politicamente debole perché costituito da tanti partiti nazionali eletti su base nazionale, e quindi strutturalmente incapaci di accordarsi a livello europeo, la presenza al suo interno di gruppi politici formatisi da un approccio di tipo transeuropeo porterà a un considerevole rafforzamento del potere di orientamento politico dell’intero apparato comunitario.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Alla fine, la crisi del Covid sta permettendo all'Unione di cominciare a emettere debito comune. Il progresso è modesto e conquistato a caro prezzo. In mezzo alle fiamme, i pompieri [...]

Il team redazionale del GEAB ha eccezionalmente deciso di condividere con i propri lettori un estratto del testo inedito Communauté ou Empire di Franck Biancheri redatto nel 1992. Questo passaggio [...]

Molto tempo fa, nel 1998, Franck Biancheri, il nostro compianto direttore di studi, scrisse un articolo di anticipazione intitolato: « 2009, quando i nipoti di Hitler, Pétain, Mussolini… prenderanno il [...]

Il GEAB, da quando esiste, ha in particolare avuto la tendenza ad avvertire l’opinione pubblica e i decisori europei che l’immensa riconfigurazione geopolitica globale impone necessariamente all’UE un profondo cambiamento. [...]

La crisi finanziaria prima e del debito poi hanno portato ad una modifica sostanziale del mandato della BCE e di fatto a disposizioni più politiche. La BCE ha acquisito impliciti [...]

In questo numero si parla molto di epiloghi! Per quanto riguarda l’Unione, tappa dell’integrazione europea nata il 7 febbraio 1992 a Maastricht, le prossime elezioni arriveranno a suggellare la visione [...]

Non c’è bisogno di attendere i risultati delle elezioni per anticipare già alcune grandi nuove caratteristiche della nuova Europa che si impone a partire dal giugno 2019. Certo, sembra che [...]

Le prospettive di riorganizzazione sociale che l'attuale crisi sanitaria consente di immaginare sono enormi. Abbiamo quindi deciso di concentrarci sull'Europa per la quale abbiamo molte più certezze rispetto al resto [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
06 Ago 2020

A cosa assomiglierà l’Europa post COVID-19? (mars 2020)

#anticipazione #BCE #democrazia #Europa #governance #istituzioni

Le prospettive di riorganizzazione sociale che l'attuale crisi sanitaria consente di immaginare sono enormi. Abbiamo quindi deciso di concentrarci sull'Europa per la quale abbiamo molte più certezze rispetto al resto [...]

Geta Grama-Moldovan
06 Ago 2020

Il nuovo volto dell’Europa post-elezioni (mag 2019)

#anticipazione #BCE #democrazia #Europa #governance #istituzioni

Non c’è bisogno di attendere i risultati delle elezioni per anticipare già alcune grandi nuove caratteristiche della nuova Europa che si impone a partire dal giugno 2019. Certo, sembra che [...]

Geta Grama-Moldovan
06 Ago 2020

Elezioni europee/Europa 2040: “E adesso qualcosa di completamente diverso” (mar 2019)

#anticipazione #BCE #democrazia #Europa #governance #istituzioni

In questo numero si parla molto di epiloghi! Per quanto riguarda l’Unione, tappa dell’integrazione europea nata il 7 febbraio 1992 a Maastricht, le prossime elezioni arriveranno a suggellare la visione [...]