Home Les bulletins GEAB GEAB Dossier speciale 2014-2020 : L’Europa mutante

GEAB Dossier speciale

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 14 Ago 2020

2014-2020 : L’Europa mutante

Alla fine, la crisi del Covid sta permettendo all’Unione di cominciare a emettere debito comune. Il progresso è modesto e conquistato a caro prezzo. In mezzo alle fiamme, i pompieri ci hanno comunque messo cinque giorni per decidere di tirar fuori l’idrante. Questo la dice lunga sul grado delle divisioni e dei disaccordi dei 27, nonché sull’imperativo di riforma del metodo detto «comunitario».

È in tale contesto che il nostro team ha scelto il tema della governance europea per la stesura del numero speciale di agosto. La fase di mutazione dell’Europa la fa risalire al 2014. La crisi euro-russa che caratterizza quest’anno ha considerevolmente accelerato il simultaneo processo complesso e multifattoriale di divisione  dell’ascesa dei nazionalismi che porteranno, in particolare, all’uscita del Regno Unito.

Il filo conduttore delle nostre analisi di trasformazione dell’UE è la ripoliticizzazione con l’unico livello legittimo da questo punto di vista, il livello nazionale. Ma l’originalità della nostra analisi è di affermare fin dall’inizio che i «populisti» nazionalisti non tarderebbero a subire una doppia evoluzione: da un lato, la ripresa delle loro tesi da parte dei partiti politici nel loro insieme e, in particolare, dalla destra tradizionale; e, dall’altro, la crescente alleanza a livello europeo, livello di potere ben più interessante di quello nazionale.

Se attualmente i sovranisti sembrano più discreti rappresentano comunque il 17% del Parlamento europeo, per non parlare di quelli che ne condividono in senso stretto le idee all’interno del PPE e sono in pieno processo di gentrificazione ed europeizzazione, come testimonia la coppia Maréchal-Sofo[1]. Basta con gli stili eccentrici e gli sgradevoli segnali esterni.

La gigantesca crisi economica post-Covid colpirà l’Europa e non è un caso se il centrista Macron è affiancato da un governo composto dai duri della destra in versione Sarkozy[2]. Ma su quanto potrebbe produrre il Parlamento europeo come segno di volontà politica transeuropea non abbiamo ancora visto niente[3]

Il fatto è che di fronte alla violenza della tempesta che si sta per preannunciare i negoziati «storici» del Consiglio dell’Unione sono derisori[4]

Rileggere alcuni estratti del GEAB selezionati dal nostro team in questo numero speciale consente di rimettere nel giusto ordine storico gli shock di governance che tutti stanno anticipando.

Per parlarne trovate la GEAB Community su LinkedIn

_______________________________

[1] Fonti: Le Parisien, 18/05/2019 (per l’europeizzazione); Valori attuali, 25/07/2020 (per la gentrificazione).

[2] Fonte: RTL, 07/07/2020

[3] Fonte: Parlamento Europeo, 21/07/2020

[4] Mentre gli europei faticano ad accordarsi su un prestito di 750 miliardi per rilanciare un’economia di 500 milioni di persone, i cinesi hanno firmato un assegno di 400 miliardi per rilanciare l’industria petrolifera del solo Iran. Fonte: LiveMint, 15/07/2020

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Il team redazionale del GEAB ha eccezionalmente deciso di condividere con i propri lettori un estratto del testo inedito Communauté ou Empire di Franck Biancheri redatto nel 1992. Questo passaggio [...]

Molto tempo fa, nel 1998, Franck Biancheri, il nostro compianto direttore di studi, scrisse un articolo di anticipazione intitolato: « 2009, quando i nipoti di Hitler, Pétain, Mussolini… prenderanno il [...]

Il GEAB, da quando esiste, ha in particolare avuto la tendenza ad avvertire l’opinione pubblica e i decisori europei che l’immensa riconfigurazione geopolitica globale impone necessariamente all’UE un profondo cambiamento. [...]

Questa anticipazione non è molto originale ma va comunque fatta con tutta la lucidità richiesta. È solo un’ipotesi ma già una certezza: le estreme destre europee coalizzate costituiranno il gruppo [...]

La crisi finanziaria prima e del debito poi hanno portato ad una modifica sostanziale del mandato della BCE e di fatto a disposizioni più politiche. La BCE ha acquisito impliciti [...]

In questo numero si parla molto di epiloghi! Per quanto riguarda l’Unione, tappa dell’integrazione europea nata il 7 febbraio 1992 a Maastricht, le prossime elezioni arriveranno a suggellare la visione [...]

Non c’è bisogno di attendere i risultati delle elezioni per anticipare già alcune grandi nuove caratteristiche della nuova Europa che si impone a partire dal giugno 2019. Certo, sembra che [...]

Le prospettive di riorganizzazione sociale che l'attuale crisi sanitaria consente di immaginare sono enormi. Abbiamo quindi deciso di concentrarci sull'Europa per la quale abbiamo molte più certezze rispetto al resto [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
06 Ago 2020

A cosa assomiglierà l’Europa post COVID-19? (mars 2020)

#anticipazione #BCE #democrazia #Europa #governance #istituzioni

Le prospettive di riorganizzazione sociale che l'attuale crisi sanitaria consente di immaginare sono enormi. Abbiamo quindi deciso di concentrarci sull'Europa per la quale abbiamo molte più certezze rispetto al resto [...]

Geta Grama-Moldovan
06 Ago 2020

Il nuovo volto dell’Europa post-elezioni (mag 2019)

#anticipazione #BCE #democrazia #Europa #governance #istituzioni

Non c’è bisogno di attendere i risultati delle elezioni per anticipare già alcune grandi nuove caratteristiche della nuova Europa che si impone a partire dal giugno 2019. Certo, sembra che [...]

Geta Grama-Moldovan
06 Ago 2020

Elezioni europee/Europa 2040: “E adesso qualcosa di completamente diverso” (mar 2019)

#anticipazione #BCE #democrazia #Europa #governance #istituzioni

In questo numero si parla molto di epiloghi! Per quanto riguarda l’Unione, tappa dell’integrazione europea nata il 7 febbraio 1992 a Maastricht, le prossime elezioni arriveranno a suggellare la visione [...]