Home Il nuovo volto dell’Europa post-elezioni (mag 2019)

GEAB Dossier speciale

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 14 Ago 2020

Il nuovo volto dell’Europa post-elezioni (mag 2019)

Non c’è bisogno di attendere i risultati delle elezioni per anticipare già alcune grandi nuove caratteristiche della nuova Europa che si impone a partire dal giugno 2019. Certo, sembra che non ci sarà una rivoluzione: di fatto i partiti di destra sovranista (ENL[1]+Brexit[2]+AEPN[3]+CRE) non accumuleranno più di 20, massimo 25% del Parlamento (circa 170 seggi); i partiti transeuropei non fanno sempre un ingresso visibile e clamoroso (Diem25 invisibile perché dissolto nelle sue alleanze nazionali e sotto la nuova etichetta di «Primavera europea» da un lato; e Volt che si presenta in otto paesi con la stessa etichetta dall’altro, ma i media nazionali sicuramente non ne parlano molto); e i grandi gruppi dei partiti nazionali che sono i PPE, PSE e ALDE sembreranno ancora dominare l’emiciclo europeo.

Figura 1 – Prospettiva di ripartizione per il nuovo Parlamento europeo, 13 maggio 2019. Fonte: Politico.

 

Eppure, sullo sfondo, niente sarà più lo stesso: queste elezioni, lo diciamo di nuovo, stanno per inaugurare una nuova era per l’Europa. Ecco perché ed ecco le grandi linee delle conseguenze di questa «rivoluzione».

Il Parlamento Europeo prende il controllo dell’Europa

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Alla fine, la crisi del Covid sta permettendo all'Unione di cominciare a emettere debito comune. Il progresso è modesto e conquistato a caro prezzo. In mezzo alle fiamme, i pompieri [...]

Il team redazionale del GEAB ha eccezionalmente deciso di condividere con i propri lettori un estratto del testo inedito Communauté ou Empire di Franck Biancheri redatto nel 1992. Questo passaggio [...]

Molto tempo fa, nel 1998, Franck Biancheri, il nostro compianto direttore di studi, scrisse un articolo di anticipazione intitolato: « 2009, quando i nipoti di Hitler, Pétain, Mussolini… prenderanno il [...]

Il GEAB, da quando esiste, ha in particolare avuto la tendenza ad avvertire l’opinione pubblica e i decisori europei che l’immensa riconfigurazione geopolitica globale impone necessariamente all’UE un profondo cambiamento. [...]

Questa anticipazione non è molto originale ma va comunque fatta con tutta la lucidità richiesta. È solo un’ipotesi ma già una certezza: le estreme destre europee coalizzate costituiranno il gruppo [...]

La crisi finanziaria prima e del debito poi hanno portato ad una modifica sostanziale del mandato della BCE e di fatto a disposizioni più politiche. La BCE ha acquisito impliciti [...]

In questo numero si parla molto di epiloghi! Per quanto riguarda l’Unione, tappa dell’integrazione europea nata il 7 febbraio 1992 a Maastricht, le prossime elezioni arriveranno a suggellare la visione [...]

Le prospettive di riorganizzazione sociale che l'attuale crisi sanitaria consente di immaginare sono enormi. Abbiamo quindi deciso di concentrarci sull'Europa per la quale abbiamo molte più certezze rispetto al resto [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Giu 2022

2023 – 2025: rischi di blackout. Rispondere all’imperativa necessità di prosilienza

#economia #Energía #finanza #geopolítica #governance

Negazione, illusione di sicurezza, sensazione di impotenza e impreparazione sembrano prevalere in materia di preparazione della popolazione a rischio di blackout su scala europea. Blackout, un termine che spaventa e [...]

GEAB
15 Apr 2022

Calendario del futuro (aprile-settembre): il mondo va avanti…

#Calendario #Europa #geopolítica #mondo #societa

In questi tempi di crisi, con i programmi nazionali e internazionali scossi dalla scottante attualità, non è facile redigere un calendario del futuro. Da un lato, la crisi ucraina che [...]

GEAB
15 Apr 2022

Editoriale: Come la crisi ucraina sta facendo precipitare l’arrivo di un nuovo Medioevo globale

#geopolítica #governance #mondo #Russia #Ucraina

Non è un mondo multipolare quello che risulterà dalla guerra attualmente in corso tra Occidente e Russia, bensì il semplice crollo di 500 anni di una civiltà globale euro-centrica al [...]