Home Eurodigitale: dall’Eurozona a Eurozon.com

GEAB 139

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Nov 2019

Eurodigitale: dall’Eurozona a Eurozon.com

È da un anno che anticipiamo l’arrivo delle monete digitali delle banche centrali (MDBC)[1]. Sono in particolare i discorsi di Christine Lagarde al FMI ad averci messo la pulce nell’orecchio. La nomina della stessa Christine Lagarde alla guida della BCE è inevitabilmente indice di una probabile accelerazione di questo genere di programma in zona euro. E infatti gli indizi si moltiplicano: Benoît Cœuré, altro importante personaggio della riflessione sul rafforzamento e sull’internazionalizzazione dell’euro[2], il cui mandato all’interno del consiglio direttivo della BCE scade a dicembre, è passato all’onnipotente banca centrale delle banche centrali, la BRI (Banca dei Regolamenti Internazionali con sede a Basilea)… precisamente con un portafoglio «innovazione/moneta digitale»[3], con l’obiettivo «di trovare la risposta al libra di Facebook»[4].

Ma non è tutto: i tedeschi si sono uniti ai francesi con la dichiarazione dell’Associazione delle Banche Tedesche (rappresentando oltre 200 istituti bancari) rivendicando il lancio di un euro digitale fondato sulla blockchain (cripto-euro)[5]! Qualche giorno più tardi, Thomas Mayer, economista dell’università Goethe di Francoforte, ha pubblicato un articolo intitolato «Un euro digitale per salvare l’Unione Monetaria Europea»[6]. Proveniente dal più centrale e conservatore degli attori della nostra moneta comune, questo genere di indicatore è da prendere sul serio. Va inoltre notato che l’introduzione dei bonifici istantanei avviata dalla BCE a metà del 2018 somiglia molto a questa digitalizzazione dell’euro[7].

Non lontano dalla zona euro, il bel Mark Carney, dalla Banca d’Inghilterra, continua a sostenere che il dollaro va urgentemente sostituito negli scambi e nelle riserve internazionali con una moneta digitale appoggiata su un paniere di monete[8] – che è stato quello che il GEAB/LEAP aveva chiesto ai membri del G20 di Londra nel 2009 con lo spazio pubblicitario allora acquistato nell’edizione internazionale del Financial Times[9]. È interessante il fatto che recentemente si sia mostrato meno contrario al libra dei suoi colleghi[10], probabilmente perché lo vede come l’attuale modello più pertinente per una moneta globale, nonché come catalizzatore di volontà di trasformazione.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

In un pianeta-media a giusto titolo focalizzato sulla catastrofe ecologica, sulle rivolte popolari, sui rischi bellici e sulla crisi finanziaria del 2020, il titolo è provocatorio. Il nostro lavoro non [...]

Le rivolte popolari crescono e si moltiplicano: primavere arabe, Occupy Wall Street, Indignados, Maidan, voti populisti, gilet gialli, Iraq, Algeria, manifestazioni contro il riscaldamento climatico, Hong Kong, Libano, Cile, Venezuela, [...]

Ingresso in Borsa di Aramco: un'altra svolta Saudi Aramco illustra alla perfezione il problema che vediamo cominciare a risolversi nel 2020 con la realizzazione di un nuovo sistema monetario e [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Giu 2021

Investmenti, tendenze e raccomandazioni (giu 2021)

#consumo #Criptomonete #inflazione #Investimenti #Monete #petrolio #sport

Criptomonete – Tra due fuochi La guerra delle cripto si sta preparando. Da un lato, gli Stati ricchi, le banche centrali e le banche private; dall'altro le economie emergenti o in [...]

GEAB
15 Mag 2021

Investmenti, tendenze e raccomandazioni (maggio 2021)

#bitcoin #cripto #finanza #investmenti #Monete #petrolio

Criptomonete: totale sfiducia // Banalizzazione del dollaro // Valori tecnologici: troppo virtuali // Minerale di ferro: volatilità in vista // Petrolio: agilità, sicurezza Se la tendenza di ritorno alla realtà [...]

GEAB
15 Mag 2021

Minerale di ferro 2026: la Guinea al centro della nascita di un nuovo mercato

#Cina #finanza #materie prime #mondo

I prezzi della materia prima più scambiata dopo il petrolio sono alle stelle. Nel periodo dei piani infrastrutturali e di rilancio e nell'illustrare la tendenza del "ritorno alle realtà dure", [...]