Home Les bulletins GEAB GEAB 139 Eurodigitale: dall’Eurozona a Eurozon.com

GEAB 139

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Nov 2019

Eurodigitale: dall’Eurozona a Eurozon.com

È da un anno che anticipiamo l’arrivo delle monete digitali delle banche centrali (MDBC)[1]. Sono in particolare i discorsi di Christine Lagarde al FMI ad averci messo la pulce nell’orecchio. La nomina della stessa Christine Lagarde alla guida della BCE è inevitabilmente indice di una probabile accelerazione di questo genere di programma in zona euro. E infatti gli indizi si moltiplicano: Benoît Cœuré, altro importante personaggio della riflessione sul rafforzamento e sull’internazionalizzazione dell’euro[2], il cui mandato all’interno del consiglio direttivo della BCE scade a dicembre, è passato all’onnipotente banca centrale delle banche centrali, la BRI (Banca dei Regolamenti Internazionali con sede a Basilea)… precisamente con un portafoglio «innovazione/moneta digitale»[3], con l’obiettivo «di trovare la risposta al libra di Facebook»[4].

Ma non è tutto: i tedeschi si sono uniti ai francesi con la dichiarazione dell’Associazione delle Banche Tedesche (rappresentando oltre 200 istituti bancari) rivendicando il lancio di un euro digitale fondato sulla blockchain (cripto-euro)[5]! Qualche giorno più tardi, Thomas Mayer, economista dell’università Goethe di Francoforte, ha pubblicato un articolo intitolato «Un euro digitale per salvare l’Unione Monetaria Europea»[6]. Proveniente dal più centrale e conservatore degli attori della nostra moneta comune, questo genere di indicatore è da prendere sul serio. Va inoltre notato che l’introduzione dei bonifici istantanei avviata dalla BCE a metà del 2018 somiglia molto a questa digitalizzazione dell’euro[7].

Non lontano dalla zona euro, il bel Mark Carney, dalla Banca d’Inghilterra, continua a sostenere che il dollaro va urgentemente sostituito negli scambi e nelle riserve internazionali con una moneta digitale appoggiata su un paniere di monete[8] – che è stato quello che il GEAB/LEAP aveva chiesto ai membri del G20 di Londra nel 2009 con lo spazio pubblicitario allora acquistato nell’edizione internazionale del Financial Times[9]. È interessante il fatto che recentemente si sia mostrato meno contrario al libra dei suoi colleghi[10], probabilmente perché lo vede come l’attuale modello più pertinente per una moneta globale, nonché come catalizzatore di volontà di trasformazione.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

In un pianeta-media a giusto titolo focalizzato sulla catastrofe ecologica, sulle rivolte popolari, sui rischi bellici e sulla crisi finanziaria del 2020, il titolo è provocatorio. Il nostro lavoro non [...]

Le rivolte popolari crescono e si moltiplicano: primavere arabe, Occupy Wall Street, Indignados, Maidan, voti populisti, gilet gialli, Iraq, Algeria, manifestazioni contro il riscaldamento climatico, Hong Kong, Libano, Cile, Venezuela, [...]

Ingresso in Borsa di Aramco: un'altra svolta Saudi Aramco illustra alla perfezione il problema che vediamo cominciare a risolversi nel 2020 con la realizzazione di un nuovo sistema monetario e [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Gen 2020

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (gen 2020)

#cripto #euiro #finanza #Investimenti #materie prime #petrolio

Bitcoin: oro digitale La netta risalita dei prezzi del Bitcoin nel corso della crisi irano-americana conferma la nostra intuizione dello scorso giugno: il Bitcoin reagisce come valore rifugio. Tale constatazione [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Gen 2020

Panorama 2020: 32 tendenze chiave

#Energía #euro #Europa #finanza #geopolítica #governance #materie prime #medio oriente #mondo #petrolio #Stati Uniti

Come ogni anno, GEABbyLEAP vi offre un panorama sintetico delle grandi tendenze chiave dell'anno che sta per cominciare. Oltre all’interesse intellettuale del contributo del LEAP, che riflette naturalmente le numerose [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Dic 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (dic 2019)

#euro #finanza #Investimenti #petrolio

Aziende: guardatevi le spalle! Il mondo si sta riorientando sulle grandi regioni. Questa tendenza, identificata tanto tempo fa dal GEAB e più volte confermata, non riguarda naturalmente solo le dinamiche [...]