Home Les bulletins GEAB GEAB 139 Investimenti, tendenze e raccomandazioni (nov 2019)

GEAB 139

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Nov 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (nov 2019)

Ingresso in Borsa di Aramco: un’altra svolta

Saudi Aramco illustra alla perfezione il problema che vediamo cominciare a risolversi nel 2020 con la realizzazione di un nuovo sistema monetario e finanziario: il vecchio non è più all’altezza dell’economia mondiale del XXI secolo. Dal 2018, sentiamo regolarmente parlare dell’ingresso in Borsa di Aramco, ma per il nostro piccolo sistema finanziario occidentale e provinciale è un pezzo apparentemente troppo grosso: continuamente respinto, in questi ultimi tempi sta rinascendo la speranza perché Aramco sta ormai programmando di immettere il 2%, anziché il 5% inizialmente previsto, del valore sui mercati, ovvero meno della metà dei 100 miliardi di prestiti internazionali inizialmente richiesti, ovvero solo 40 miliardi sui 2000 miliardi ai quali l’Arabia Saudita ha valorizzato il gigante petrolifero. Malgrado la frammentazione dell’IPO, i mercati continuano a tremare per paura delle conseguenze. Guardando più da vicino, è dall’Occidente che vengono tutti i problemi: programmi ambientalisti che fanno temere ad Aramco un fallimento di finanziamento, rischi di esposizione a procedure legali come quelle di cui hanno fatto le spese in passato Shell, ENI, Total, ecc. Combinando tutto questo e la nostra anticipazione choc (all’epoca «choc», oggi perfettamente banalizzata) di tre anni fa sul fatto che l’Arabia Saudita si sarebbe avvicinata alla zona yuan, siamo estremamente tentati dalla seguente anticipazione: Aramco è sul punto di entrare in Borsa sui mercati asiatici! E questo sarebbe lo scossone finale per il sistema mondiale centrato sul petrodollaro degli ultimi cinquant’anni.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

In un pianeta-media a giusto titolo focalizzato sulla catastrofe ecologica, sulle rivolte popolari, sui rischi bellici e sulla crisi finanziaria del 2020, il titolo è provocatorio. Il nostro lavoro non [...]

Le rivolte popolari crescono e si moltiplicano: primavere arabe, Occupy Wall Street, Indignados, Maidan, voti populisti, gilet gialli, Iraq, Algeria, manifestazioni contro il riscaldamento climatico, Hong Kong, Libano, Cile, Venezuela, [...]

È da un anno che anticipiamo l’arrivo delle monete digitali delle banche centrali (MDBC). Sono in particolare i discorsi di Christine Lagarde al FMI ad averci messo la pulce nell’orecchio. [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (giu 2020)

#cripto #dollaro #finanza #Investimenti #petrolio

Petrolio: spostamento di un altro baricentro La Cina, primo importatore di petrolio, sta finalizzando la protezione del proprio sistema di approvvigionamento energetico. La sua strategia è fondata sulla diversificazione delle [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Energia 2020-2050: La Cop26 deve tracciare la strada verso un futuro intelligente dell’energia

#Energía #finanza #governance #mondo #petrolio

Al giorno d'oggi, i produttori di energia, distributori e investitori nel mondo stanno affrontando una triplice difficoltà: calo della domanda, calo di capacità e guerre di prezzi, i quali vanno [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Il mondo di dopo: ascesa del cittadino digitale sovrano

#bitcoin #cripto #finanza #Investimenti #mondo #societa

"Il nuovo oro nero sono i dati digitali": questo detto è noto, ma gli obiettivi un po' meno. Secondo Satya Nadella, amministratore delegato della Microsoft, il mondo ha recuperato due [...]