Home Les bulletins GEAB GEAB 115 Investimenti, tendenze e raccomandazioni (mag 2017)

GEAB 115

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Mag 2017

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (mag 2017)

Petrolio – Tutto scorre

A discapito di numerosi interessi evidentemente desiderosi di ridurre l’impatto dell’accordo sulla produzione del petrolio tra l’OPEC e gli alleati e i dubbi riguardo al carattere perenne del deal, sembra proprio che russi e sauditi prevedano di estendere fino ad almeno la fine dell’anno l’accordo di Vienna[1]. Secondo il nostro team, il braccio di ferro che vedono gli esperti tra l’industria di scisto americano e le nazioni produttrici di petrolio è più una trappola che un braccio di ferro. I produttori di scisto, dal canto loro, sono influenzati negativamente dal crollo dei prezzi generato dalla sovrapproduzione; in realtà probabilmente ne soffrono di più, non avendo gli ammortizzatori che invece anno le grandi nazioni. Il problema deriva dal fatto che sono attori privati, molto difficili da coordinare tra di loro e da accordare a logiche sovranazionali. Il nostro team ritiene però che nell’interesse di questi produttori privati trovare i mezzi per evitare che i livelli caotici di produzione cessino di fare oscillare i prezzi. Quanto all’OPEC-NOPEC, per ridurre l’impatto della produzione dei paesi che non prendono parte all’accordo (USA, Brasile, Canada), una tecnica consiste nell’allargare il gruppo, ed è quello che stanno facendo questo mese accogliendo l’Egitto e soprattutto il Turkmenistan. Escludendo grandi scontri geopolitici, il nostro team continua quindi ad anticipare prezzi intorno a 50 dollari al barile con piccoli colpi di scena ricorrenti che provochino rapidamente delle controreazioni all’aumento.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

La voce della Francia nel mondo sembra essere scomparsa almeno dal 2007, ben più rispetto al boom della diplomazia francese nel 2003 quando il paese si era opposto alla guerra [...]

19 maggio - Iran: Elezioni presidenziali Un serio oppositore sta minacciando le possibilità di rielezione del riformista Rouhani, quell’ultra-conservatore Ebrahim Raisi rafforzato dalle enormi tensioni geopolitiche che attraversano l’Iran: guerra [...]

Dopo la seconda guerra mondiale, il dominio morale dell’Occidente sul resto del mondo si è unicamente ma in gran parte fondato sull’innegabile qualità dei media, garanti di un’informazione rappresentativa delle [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Set 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (settembre 2019)

#cryptomonete #finanza #Investimenti #petrolio

Finanza – Prime aperture al mercato cinese Le raccomandazioni di investimento sul mercato finanziario cinese non sono facili da seguire in mancanza di accessibilità. Ma a poco a poco il [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Set 2019

Hong Kong 2025: periferia di Shenzhen

#Cina #finanza #Monete

Tra il proprio dollaro ancorato a quello USA e alla natura cinese riaffermata fin dalla retrocessione nel 1997, Hong Kong si colloca al centro della guerra commerciale in corso tra [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Set 2019

FMI 2020: vittima collaterale della guerra commerciale USA-Cina

#euro #Europa #finanza #governance #Monete

Non c’è solo a Hong Kong a trovarsi nel bel mezzo del fuoco incrociato della guerra commerciale USA-Cina. Tra le vittime collaterali del grande movimento di placche tettoniche attualmente in [...]