Home GEAB 163

GEAB 163

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Mar 2022
L'estratto pubblico

Tra le poche certezze riguardo alla guerra russo-ucraina c’è questa: è la fine della guerra fredda!… in particolare per via del fatto che è diventata “calda”, il che cambia tutto.

Come abbiamo già detto a proposito del ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan lo scorso settembre[1], il 1989 non è stato la fine ma l’inizio della fine della guerra fredda, un processo che sarebbe durato trentatré anni e avrebbe avuto il suo epilogo attualmente… con una vittoria dell’Occidente, un accordo di compromesso che accetti la linea rossa della Russia o un grande pandemonio che sconvolgerà l’intera scena mondiale.

In ogni caso, la guerra russo-ucraina sta abbattendo tutti i principi e le istituzioni del vecchio ordine mondiale. Anticipiamo infatti che né la NATO, né l’UE, né l’ONU, ecc., usciranno indenni da questa grande crisi storica.

È quindi opportuno chiedersi attraverso quali processi e a quale esito si arriverà distinguendo, in particolare, due principali scenari: lo scenario a breve termine, nel quale russi e ucraini si mettono d’accordo su un compromesso nei giorni-settimane seguenti e che sta portando verso un mondo di cui l’Occidente resta un pilastro; e quello a lungo termine, nel quale la Russia insidia l’Ucraina e tutto l’Occidente sprofonda nelle sabbie mobili.

Guardare l’abisso

Allo stato attuale, sono tuttora possibili entrambi gli scenari.

Attualmente, Russia e Stati Uniti ci invitano a guardare l’abisso: se i russi fanno intravedere il rischio di una terza guerra mondiale, la possibilità di attacco alle centrali nucleari[2], l’ipotesi di mega cyber-attacchi[3], ecc, gli americani, dal canto loro, prevedono un crollo delle economie mondiali causato dal pacchetto di sanzioni che blocchino drasticamente l’intero modello globale di scambi e di produzione[4]. In entrambi i casi, centinaia di milioni di morti, affamati, rifugiati, malati non curati, ecc.[5]

Vediamo allora alcuni aspetti del disastro:

. L’invio di materiale militare in Ucraina[6] e la distribuzione di armi ai civili da parte del governo[7] contribuiranno a rilanciare i traffici d’armi verso l’Europa occidentale, una volta ad appannaggio dei Balcani (in particolare con la guerra in Kosovo) avendo alimentato direttamente l’ondata terrorista degli anni 2010[8] (vediamo quindi come questo problema sia cominciato prima dell’invasione russa[9]).

. La “militarizzazione” della guerra russo-ucraina (armare milizie private e civili in Ucraina[10], ricorre ai mercenari[11]) in un contesto sociologico di preparazione militare dei giovani con i videogiochi[12] e di ricerca di azione post-lockdown covidiano[13], per non parlare delle frustrazioni sessuali maschili multifattoriali[14], ha tutte le carte in regola per far cadere l’Europa nella patologia africana dei bambini-soldato[15]. Questo fenomeno è in atto nel terrorismo unanimemente condannato; ma cosa pensare di questa tendenza se i governi la sostenessero?…

. Di fronte a questo “selvaggiamento” pianificato di parte dei giovani e a società occidentali ultra-dipendenti dal modello socioeconomico complesso e globalizzato, solo alcuni paesi europei (ad esempio la Francia[16]) sono in grado di organizzarsi in modo da alimentare e fornire energia alla popolazione in tempo di guerra, e in un contesto di carenze alimentari e energetiche dove il “ciascuno per sé” sarà la regola n° 1 le solidarietà europee non resisteranno a lungo.

Figura 1 – Autosufficienza alimentare per paese – Mondo 2005-2009. Fonte: Jennifer Clapp

 

. Per ragioni opposte (i russi per mettere paura, gli ucraini per costringere l’Occidente a intervenire[17]) per gli europei incombe l’incubo della guerra nucleare in previsione di un “incidente” alle centrali o con il ricorso alla forza nucleare[18] – un ricorso reso parzialmente “legale” da quando Trump si è ritirato dal Trattato russo-americano di disarmo nucleare FNI[19].

. Se Putin sta attualmente bloccando la firma del trattato con l’Iran, in particolare è per rendere più credibile una grande crisi energetica[20] di cui sta tuttora dimostrando di avere le chiavi. Così facendo, non solo ricorda che la Russia non è un paese relegabile a potenza trascurabile nell’attuale configurazione globale, ma partecipa a quell’apocalisse destinata a portare tutto il mondo a chiedere a Zelensky ad accettare i termini del negoziato.

. La possibilità di attacchi russi ai cavi di comunicazioni sottomarini[21] o ai satelliti[22] obbliga ad immaginare scenari di tipo Ravage di Barjavel[23] dove le nostre società, ultra-dipendenti dalle tecnologie di comunicazione, crollano completamente e con loro l’intero progetto di digitalizzazione schernito dall’Occidente e dal mondo da dieci anni e che ha assorbito migliaia di miliardi di dollari-euro che in un tale scenario sfumerebbero all’improvviso provocando una crisi definitiva dell’intero mondo finanziario, dei progetti di fintech e di monete digitali, ecc.[24] Il futuro per come lo abbiamo immaginato non è semplicemente compatibile con il livello di tensioni geopolitiche ormai in atto. Questo sguardo nell’abisso è un semplice atto di anticipazione collettiva concepito per costringere i soggetti coinvolti ad una reazione geopolitica di salvezza (primo scenario a breve termine)… a meno che una delle pecorelle smarrite non si getti nel precipizio portando con sé tutto il gregge (secondo scenario a lungo termine).

Il risultato desiderato

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Nel bel mezzo di una tempesta, si fa fatica a mantenere lo sguardo sull'orizzonte. Si vedono tuoni e fulmini, si sentono le vele sbattere, si prendono schizzi d'acqua sulla faccia, [...]

Nel 1450, Gutenberg inventava la stampa pubblicando la prima Bibbia. Cento anni dopo, il Concilio di Trento inventava l'"indice dei libri proibiti". Tra i due, Lutero aveva avviato il movimento [...]

Osservare Peter Thiel oggi, con le sue reti, la sua ideologia e le sue leve di influenza, vuol dire farsi un'idea di un partito repubblicano americano che si presenterà alle [...]

Materie prime – Nessuna certezza // Energia – Frammentazione del mercato // Criptomonete – Controintuitive // Dollaro – Trasmutazione // Immobiliare – Attenzione // Arte – «La bellezza salverà il [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Nov 2022

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (nov)

#criptovalute #Immobiliare #Investimenti #mercati

Gestione patrimoniale - Cosa fare quando si è europei? // Investimenti - Trovare l'uscita // Paradisi fiscali - Nuovi orizzonti // Criptovalute - È arrivato il momento // Immobili - [...]

GEAB
15 Ott 2022

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (ottobre)

#borsa #cripto #dollaro #euro #investimento #Monete #oro

Monete – Avviso di tempesta // Dollaro – Prima del previsto… // Sterlina – Per sempre? // Euro – Difficile da dire // Criptomonete – Molto rumore… // Oro – [...]

GEAB
15 Set 2022

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (sept)

#borsa #dollaro #euro #Immobiliare #investimento #Monete

Borsa: tempesta in vista per i valori bancari // Euro-dollaro: il crollo si protrae // Crisi dell'immobiliare in Cina: fallimenti in vista… // Materiali da costruzione: le carenze si aggravano [...]