Home Les bulletins GEAB GEAB 146 Europa 2020-2028: 750 miliardi per cambiare paradigma… e salvare gli Stati Uniti

GEAB 146

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2020

Europa 2020-2028: 750 miliardi per cambiare paradigma… e salvare gli Stati Uniti

Mentre il virus sta attaccando il centro del reattore occidentale «per come lo conosciamo dal 1945», ovvero l’America, al centro della scena sta mettendo un’Europa rigenerata da dodici anni di riflessione.

Il 2028 è la data prevista per cominciare a rimborsare il prestito europeo di 750 miliardi di euro che il Consiglio europeo dovrebbe autorizzare il prossimo 19 giugno. Ci sono quindi otto anni per mettere in atto un nuovo paradigma economico su misura del continente (Green and Digital Deal), per posizionare l’Europa come partner di un mondo multipolare da organizzare urgentemente e per coordinare con il resto del mondo il salvataggio degli Stati Uniti (saldare il debito, rilanciare l’economia, costruire l’infrastruttura sociale).

Questa anticipazione può sembrare arrogante. Elenchiamo però qui di seguito una serie di argomenti che ci permettono di dimostrare come i pianeti siano allineati per l’Europa nel 2020.

Di certo essa dovrà sopportare l’iniziale shock del Covid con tutti i suoi effetti collaterali, a cominciare da quello che la crisi americana precedentemente descritta non mancherà di trasmetterle. Come nel 2008, l’onda d’urto USA potrebbe raggiungere le sponde del vecchio continente meno di un anno dopo, aggravato dagli squilli di tromba di un sistema mediatico transatlantico che duplicherà tutti i problemi USA sull’Europa… come la traduzione europea della questione George Floyd ce ne dà già l’ennesima illustrazione[1].

Però no, non pensiamo che questa volta le cose andranno allo stesso modo.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Dal 2006, la crisi sistemica globale descritta dal GEAB fa riferimento al «sistema» fondato nel 1945 all'indomani della seconda guerra mondiale. Ora, al centro di questo ordine mondiale c'è la [...]

Il mese scorso abbiamo anticipato un rischio di deragliamento del meccanismo plurisecolare delle elezioni americane. Con ottimismo, abbiamo avanzato l'ipotesi che un contesto eccezionale potrebbe portare ad elezioni straordinarie che [...]

A priori l'Europa sembra essere oggi molto più compatibile con il mondo multipolare del XXI secolo rispetto agli Stati Uniti. Ma dovrà dimostrarlo ancora una volta. È a partire dal [...]

"Il nuovo oro nero sono i dati digitali": questo detto è noto, ma gli obiettivi un po' meno. Secondo Satya Nadella, amministratore delegato della Microsoft, il mondo ha recuperato due [...]

Al giorno d'oggi, i produttori di energia, distributori e investitori nel mondo stanno affrontando una triplice difficoltà: calo della domanda, calo di capacità e guerre di prezzi, i quali vanno [...]

Petrolio: spostamento di un altro baricentro La Cina, primo importatore di petrolio, sta finalizzando la protezione del proprio sistema di approvvigionamento energetico. La sua strategia è fondata sulla diversificazione delle [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Set 2020

Elezioni USA: tre scenari di anticipazione di una crisi di scrutinio

#geopolítica #política #statiuniti

L'ultimo articolo sulle elezioni americane risale a quattro mesi fa («L'ascesa al potere di una Nuova America» - GEAB del 15 maggio 2020). Tra le molte tesi a sostegno di [...]

Geta Grama-Moldovan
06 Ago 2020

A cosa assomiglierà l’Europa post COVID-19? (mars 2020)

#anticipazione #BCE #democrazia #Europa #governance #istituzioni

Le prospettive di riorganizzazione sociale che l'attuale crisi sanitaria consente di immaginare sono enormi. Abbiamo quindi deciso di concentrarci sull'Europa per la quale abbiamo molte più certezze rispetto al resto [...]

Geta Grama-Moldovan
06 Ago 2020

Il nuovo volto dell’Europa post-elezioni (mag 2019)

#anticipazione #BCE #democrazia #Europa #governance #istituzioni

Non c’è bisogno di attendere i risultati delle elezioni per anticipare già alcune grandi nuove caratteristiche della nuova Europa che si impone a partire dal giugno 2019. Certo, sembra che [...]