Home Secondo semestre 2020 – Il test europeo della pace in Medio Oriente

GEAB 146

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2020

Secondo semestre 2020 – Il test europeo della pace in Medio Oriente

A priori l’Europa sembra essere oggi molto più compatibile con il mondo multipolare del XXI secolo rispetto agli Stati Uniti. Ma dovrà dimostrarlo ancora una volta.

È a partire dal prossimo 1° luglio che l’Europa affronterà la prova del fuoco. Ufficialmente, questa data è infatti quella dell’avvio dell’attuazione del piano di annessione dei territori occupati da parte di Israele[1], ma anche dell’inizio di una presidenza forte del Consiglio dell’Unione: quella della Germania[2]. Probabilmente questa simultaneità non è solo frutto del caso…

Non è necessario approfondire i motivi per cui questo piano fa correre rischi esistenziali naturalmente ad Israele ma anche all’Europa, rischi che vanno da una ripresa degli atti terroristi ad una nuova ondata di migranti arabi e/o israeliani passando per un’esplosione del razzismo e dell’antisemitismo, con alla fine il ritorno dei governi «populisti» – o peggio euro-sovranisti versione hard.

Se è direttamente in gioco il futuro dell’Europa, al contrario di quello della remota «isola America», è comunque agli Stati Uniti che la Storia ha dato la responsabilità di innescare il processo finale di transizione di una crisi medio-orientale tanto vecchia quanto le istituzioni transatlantiche di cui ci occupiamo in questo numero (creazione di Israele: 1948[3]). Ma «innescare» un processo non vuol dire necessariamente «portarlo a compimento».

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Dal 2006, la crisi sistemica globale descritta dal GEAB fa riferimento al «sistema» fondato nel 1945 all'indomani della seconda guerra mondiale. Ora, al centro di questo ordine mondiale c'è la [...]

Il mese scorso abbiamo anticipato un rischio di deragliamento del meccanismo plurisecolare delle elezioni americane. Con ottimismo, abbiamo avanzato l'ipotesi che un contesto eccezionale potrebbe portare ad elezioni straordinarie che [...]

Mentre il virus sta attaccando il centro del reattore occidentale «per come lo conosciamo dal 1945», ovvero l'America, al centro della scena sta mettendo un'Europa rigenerata da dodici anni di [...]

"Il nuovo oro nero sono i dati digitali": questo detto è noto, ma gli obiettivi un po' meno. Secondo Satya Nadella, amministratore delegato della Microsoft, il mondo ha recuperato due [...]

Al giorno d'oggi, i produttori di energia, distributori e investitori nel mondo stanno affrontando una triplice difficoltà: calo della domanda, calo di capacità e guerre di prezzi, i quali vanno [...]

Petrolio: spostamento di un altro baricentro La Cina, primo importatore di petrolio, sta finalizzando la protezione del proprio sistema di approvvigionamento energetico. La sua strategia è fondata sulla diversificazione delle [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Dic 2021

Valutazione delle anticipazioni per il 2021: 77% di successo

#crisi #Europa #geopolítica #mondo #tendenze #Valutazione

Come avevamo già osservato lo scorso anno, la crisi sanitaria ha accelerato tutti i processi di trasformazione sistemica che avevano trascinato nel fondo governi e imprese paralizzati dalla routine. Poiché [...]

GEAB
15 Dic 2021

La mappa della Germania per il 2022-2025: un governo multipolare per un mondo multipolare

#Europa #geopolítica #Germania

In Germania, tre partiti hanno appena creato con successo un nuovo governo in tempi record firmando un accordo di coalizione e l'elezione di Scholz da parte del Bundestag. Il nostro [...]

GEAB
15 Dic 2021

Crisi del futuro 2022-2025: l’Occidente si è sbagliato sul futuro?

#economia #Europa #futuro #geopolítica #spazio #Stati Uniti

All'orizzonte si profila l'ombra del Web3. Si presenta già come una nuova rivoluzione, venticinque anni dopo quella di Internet da cui le nostre società cominciano a malapena a riprendersi. Nuova [...]