Home Il mondo di dopo: ascesa del cittadino digitale sovrano

GEAB 146

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2020

Il mondo di dopo: ascesa del cittadino digitale sovrano

“Il nuovo oro nero sono i dati digitali”: questo detto è noto, ma gli obiettivi un po’ meno. Secondo Satya Nadella, amministratore delegato della Microsoft[1], il mondo ha recuperato due anni di trasformazione digitale in due mesi. E di fatto le cifre sono da capogiro: la piattaforma di videoconferenza Zoom ha contato ogni giorno 10 milioni di partecipanti alle riunioni. Ad aprile, questa cifra è passata a 300 milioni[2]. Microsoft, dal canto suo, ha visto guastarsi i propri server con un sovraccarico di connessioni su Team il primo giorno del passaggio alla formazione digitale[3]. Questi tempi di connessione demoltiplicata moltiplicano essi stessi la quantità di dati digitali prodotti. Ed ad essa si affianca una domanda, probabilmente la questione politica del XXI secolo: chi è che controlla i dati?

Da questa domanda derivano non solo interessi economici considerevoli di cui una serie di imprese quasi monopolistiche o duopolistiche (Google/Facebook) ne prendono una buona parte in nome del « Winner takes all » (chi vince prende tutto). Nel corso degli ultimi anni, in particolare dalla questione Cambridge Analytica, le sfide sociali inerenti a questi interessi economici hanno messo sotto pressione perlopiù i Big Tech. Eppure, al di là delle legittime questioni etiche intorno al modello economico delle grandi piattaforme digitali teorizzato da Shoshana Zuboff con il nome di capitalismo della sorveglianza[4], si pone la questione, molto più centrale, del controllo dei dati e, con essa, non solo quella della sovranità digitale degli Stati, ma anche quella della sovranità digitale degli individui. Lo status quo in materia fa in tutti i sensi gli affari dei Big Tech, il cui modello economico dipende in gran parte da questa economia dell’attenzione, la quale propone libero accesso ai loro servizi contro l’espropriazione agli utenti dei loro dati personali.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Dal 2006, la crisi sistemica globale descritta dal GEAB fa riferimento al «sistema» fondato nel 1945 all'indomani della seconda guerra mondiale. Ora, al centro di questo ordine mondiale c'è la [...]

Il mese scorso abbiamo anticipato un rischio di deragliamento del meccanismo plurisecolare delle elezioni americane. Con ottimismo, abbiamo avanzato l'ipotesi che un contesto eccezionale potrebbe portare ad elezioni straordinarie che [...]

Mentre il virus sta attaccando il centro del reattore occidentale «per come lo conosciamo dal 1945», ovvero l'America, al centro della scena sta mettendo un'Europa rigenerata da dodici anni di [...]

A priori l'Europa sembra essere oggi molto più compatibile con il mondo multipolare del XXI secolo rispetto agli Stati Uniti. Ma dovrà dimostrarlo ancora una volta. È a partire dal [...]

Al giorno d'oggi, i produttori di energia, distributori e investitori nel mondo stanno affrontando una triplice difficoltà: calo della domanda, calo di capacità e guerre di prezzi, i quali vanno [...]

Petrolio: spostamento di un altro baricentro La Cina, primo importatore di petrolio, sta finalizzando la protezione del proprio sistema di approvvigionamento energetico. La sua strategia è fondata sulla diversificazione delle [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Giu 2022

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (giu)

#bitcoin #cripto #Investimenti #oro #petrolio #yen

Oro, Bitcoin: privilegiare gli investimenti tradizionali // Yen: il primo pilastro a crollare? // Fine dei motori termici nel 2035 // Petrolio: l'aumento continua ____________________ Oro, Bitcoin: privilegiare gli investimenti tradizionali Per [...]

GEAB
15 Giu 2022

Fine 2022 – La firma dell’accordo di pace tra Armenia e Azerbaigian inaugura un nuovo futuro per il sud del Caucaso

#caucaso #geopolítica #governance #mondo

Attualmente la crisi ucraina sta permettendo a molti paesi di muovere le proprie pedine. Tra questi ritroviamo in primis la Turchia, la quale, in collaborazione con Israele, sta escogitando il [...]

GEAB
15 Giu 2022

2023 – 2025: rischi di blackout. Rispondere all’imperativa necessità di prosilienza

#economia #Energía #finanza #geopolítica #governance

Negazione, illusione di sicurezza, sensazione di impotenza e impreparazione sembrano prevalere in materia di preparazione della popolazione a rischio di blackout su scala europea. Blackout, un termine che spaventa e [...]