Home La tentazione americana del petroyuan

GEAB 148

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Ott 2020

La tentazione americana del petroyuan

Vi ricordate… nel 2017 avevamo anticipato che l’Arabia Saudita non avrebbe tardato a vendere il proprio petrolio in yuan, un’ipotesi allora fortemente provocante essendo all’epoca l’Arabia Saudita uno dei due pilastri del sistema petro-dollaro[1]. Due anni dopo, abbiamo dovuto constatare che i flussi di esportazione del petrolio saudita passavano radicalmente (“drasticamente”) dagli Stati Uniti alla Cina[2]. Se quindi la tentazione del petroyuan è ben chiara[3], in ogni caso gli scambi hanno ufficialmente luogo in dollari[4]. Probabilmente lo zio Sam vigila…

Il nostro team ritiene tuttavia che è venuto il momento di considerare il fatto che il centro stesso di questo sistema petrodollaro, ovvero gli Stati Uniti, diventati due anni fa la nuova prima potenza petrolifera mondiale[5], divenga anch’esso vittima della “tentazione del petroyuan”… e di prendere coscienza della portata di un tale evento.

Da qualche mese (quindi nel contesto della pandemia) l’Arabia Saudita vede quindi le proprie esportazioni verso la Cina diminuire… a vantaggio di quelle degli Stati Uniti! Tenendo conto delle enormi tensioni economiche ma soprattutto geopolitiche che dominano i rapporti tra questi due colossi, questo “dettaglio” è piuttosto sorprendente.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Da dodici anni l'Occidente fa fatica a capire il messaggio della crisi del 2008: «Non siete più soli nel pianeta! Dollaro, organizzazioni internazionali dominate dall'Occidente, mercati finanziari occidentali, flussi commerciali [...]

Da tutte le parti si annuncia un ritorno alla realtà. E se c'è un settore che è stato sottoposto a "virtualismo" acuto nell'ultimo decennio è quello delle imprese tecnologiche che [...]

È noto a tutti che la democrazia in generale è malata. Ciò nonostante, l'Occidente sta continuando a fondare la legittimità della propria "leadership" mondiale su questa presunta superiorità civilizzatrice. Negli [...]

Il Regno Unito non è più nell'Unione Europea dal gennaio 2020. Di conseguenza, è stato tagliato fuori dall'accesso al sistema europeo di GPS, Galileo, al quale ha pur sempre ampiamente [...]

Perturbata per un certo periodo dalle funeste previsioni che hanno continuato a sopraffarla negli ultimi dieci anni, l'industria automobilistica europea ha probabilmente approfittato della crisi sanitaria per intraprendere un reindirizzamento [...]

Negli ultimi vent'anni, i prezzi internazionali di molte materie prime sono stati stabiliti nell'ambito di contratti spot e futures riconosciuti a livello globale. Al giorno d'oggi, mentre molti contratti non [...]

Raccomandazioni: caccia al tesoro Questo numero è pieno zeppo di raccomandazioni di investimento. Settore automobilistico, materie prime, valori tecnologici… vi proponiamo di leggerlo attentamente e di partire alla caccia al [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Ott 2021

Dollaro – Il tempo stringe

#crisi #dollaro #finanza #valuta

Il dollaro crollerà solo dopo la decisione americana di farlo crollare. Ora, gli Stati Uniti si trovano in una situazione che li accomuna dal momento in cui dovranno prendere questa [...]

GEAB
15 Ott 2021

La guerra Cina-AUKUS non avrà luogo

#Cina #geopolítica #GlobalBritain

La formazione dell'alleanza militare tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti (AUKUS) non illustra nient'altro che un surriscaldamento della guerra fredda che oppone la Cina all'Occidente. In questo aperto scontro [...]

GEAB
15 Set 2021

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (sept 2021)

#azioni #bitcoin #dollaro #Investimenti #materie prime

Bitcoin: Attendismo // Dollaro: ultima opportunità // Borse: bombe galleggianti in vista! // Dollaro vs valori tecnologici // Materie prime: Bonanza! ------------------------ Bitcoin: Attendismo Non a caso, il Bitcoin ha [...]