Home Orizzonte 2030 – L’automobile reinventata combina veicolo individuale e trasporto in comune

GEAB 148

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Ott 2020

Orizzonte 2030 – L’automobile reinventata combina veicolo individuale e trasporto in comune

Perturbata per un certo periodo dalle funeste previsioni che hanno continuato a sopraffarla negli ultimi dieci anni, l’industria automobilistica europea ha probabilmente approfittato della crisi sanitaria per intraprendere un reindirizzamento salutare. Malgrado una severa requisitoria, tra saturazione dello spazio urbano, problematiche ambientali, pericolosità inaccettabile e costi insostenibili (portando, in particolare, al disinteresse delle giovani generazioni), anticipiamo che la programmata scomparsa dell’auto privata non avverrà. Entro il 2030, i costruttori europei hanno persino tutte le armi per uscire vincitori dalla corsa alla macchina autonoma nella quale il concorrente cinese si sta già fin da oggi buttando a capofitto. In Europa, anticipiamo che la mobilità sarà diversa da quella che già da oggi promette di essere in Asia. Nei nostri paesi, l’auto vecchia scuola si inscriverà pienamente in una modernità rispettosa dell’ambiente e della sicurezza, ma saprà anche preservare il rapporto unico che l’automobilista europeo intrattiene con il proprio veicolo e con la marca di quest’ultimo. In un inedito schema pubblico-privato, la macchina sta reinventando il proprio ruolo tanto quanto i costruttori automobilistici stanno reinventando il loro rapporto con la clientela.

Questo articolo è un’aperta sintesi delle nostre solite ricerche e di un’intervista con il direttore dell’innovazione di Renault, Didier Delcourt. Le analisi e anticipazioni che ne risultano sono esclusive del GEAB.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Da dodici anni l'Occidente fa fatica a capire il messaggio della crisi del 2008: «Non siete più soli nel pianeta! Dollaro, organizzazioni internazionali dominate dall'Occidente, mercati finanziari occidentali, flussi commerciali [...]

Da tutte le parti si annuncia un ritorno alla realtà. E se c'è un settore che è stato sottoposto a "virtualismo" acuto nell'ultimo decennio è quello delle imprese tecnologiche che [...]

Vi ricordate… nel 2017 avevamo anticipato che l'Arabia Saudita non avrebbe tardato a vendere il proprio petrolio in yuan, un'ipotesi allora fortemente provocante essendo all'epoca l'Arabia Saudita uno dei due [...]

È noto a tutti che la democrazia in generale è malata. Ciò nonostante, l'Occidente sta continuando a fondare la legittimità della propria "leadership" mondiale su questa presunta superiorità civilizzatrice. Negli [...]

Il Regno Unito non è più nell'Unione Europea dal gennaio 2020. Di conseguenza, è stato tagliato fuori dall'accesso al sistema europeo di GPS, Galileo, al quale ha pur sempre ampiamente [...]

Negli ultimi vent'anni, i prezzi internazionali di molte materie prime sono stati stabiliti nell'ambito di contratti spot e futures riconosciuti a livello globale. Al giorno d'oggi, mentre molti contratti non [...]

Raccomandazioni: caccia al tesoro Questo numero è pieno zeppo di raccomandazioni di investimento. Settore automobilistico, materie prime, valori tecnologici… vi proponiamo di leggerlo attentamente e di partire alla caccia al [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Mag 2024

Euro-Britannia 2025: una storia d’amore…

#euro #governance #Regno Unito #UE

O piuttosto "operazione amore a prima vista". Ai nostri lettori, più orientati al futuro della media, non sarà sfuggito che il Regno Unito si stava preparando a cedere temporaneamente le [...]

GEAB
15 Apr 2024

Stati Uniti 2025 – L’e-Impero colpisce ancora

#Europa #geopolítica #governance #mondo #statiuniti

La perdita di potere degli Stati Uniti negli ultimi anni non è stata un segreto. Il nostro team è stato il primo, in questa newsletter, ad anticipare ampiamente l'avvento di [...]

GEAB
15 Mar 2024

ONU 2024: riformare il Consiglio di sicurezza o lasciarlo morire

#Europa #geopolítica #governance #mondo #ONU

Dall'inizio delle offensive israeliane a Gaza sono stati uccisi oltre 30.000 civili, eppure il veto americano sta bloccando ogni risoluzione di cessate il fuoco proposta dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU, [...]