Home Medio Oriente 2020: verso un nuovo assetto politico

GEAB 143

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Mar 2020

Medio Oriente 2020: verso un nuovo assetto politico

Le guerre generano sicuramente peste. Ma la peste genera guerre?

Da un punto di vista sistemica, la pandemia dovrebbe bastare a segnare le sorti del vecchio sistema, inaugurare il seguente ed evitare che andiamo in «guerra»…

… sempre che sia stata veramente evitata: ricordiamo che dal 2011 sulla scena medio-orientale si svolge un’unica guerra. Nata da una rivoluzione (le primavere arabe), confiscata dai grandi interessi in gioco che hanno sia bloccato sia sfruttato la situazione a loro vantaggio, la «Guerra di emancipazione del Medio Oriente» ha ucciso mezzo milione di persone sul fronte siriano[1], almeno 100.000 nello Yemen[2] e 15.000 in Libia[3]. Chiamate «guerre civili», tali conflitti sono tutti collegati e non fanno che tradurre un conflitto multipolare che coinvolge grandi potenze internazionali: Stati Uniti, Russia, UE, ma anche Cina, India e Pakistan sullo sfondo…; peri-regionali: in particolare Turchia, Iran e Israele (che non sono nazioni arabe); e regionali (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti); portando all’emergere di nazioni sovrane (Marocco, Tunisia, Libia, Egitto, Yemen, Iraq, Siria, Giordania, Libano, Palestina… sbarazzatesi dalle tutele del XX secolo) che resterà da mettere in sintonia.

Quasi un milione di morti e decine di milioni di profughi, è davvero troppo. Siamo però lontani dai 62 milioni della seconda guerra mondiale – seppur in un mondo molto più popolato. Quindi la domanda scottante: i dieci anni di guerra medio-orientale si «risolveranno» con una grande conflagrazione mondiale o una consapevolezza maggiore e meglio condivisa di questo rischio sarà riuscita a contenere l’esplosione? 

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Rallentamento della mobilità, crisi del turismo, economia verde, virtualizzazione dell'economia, Euroland, digitalizzazione delle monete della banca centrale, riforma radicale del sistema finanziario internazionale, sconvolgimento del sistema bancario europeo, fine del [...]

Il 2019 è stato un anno eccezionale per le obbligazioni USA, e sebbene gran parte dell'Europa e dell'Estremo Oriente abbiano affrontato condizioni di crescita più difficili provocate da problemi più [...]

Mercati/prodotti finanziari – C'è proprio bisogno di precisarlo… Non avete bisogno di noi per capirlo, ma è chiaro: è il momento di uscire dai mercati finanziari. L'evidenza la dice lunga [...]

Articoli correlati
GEAB
12 Ago 2022

Guerra in Ucraina: cronaca di un’era che non finisce più

#Europa #geopolítica #governance #NATO #Ucraina

Per la nostra tradizionale ricerca negli archivi per il mese di agosto, abbiamo logicamente scelto il grande tema del 2022: l'ingresso in Ucraina delle truppe russe. L'interesse per questa ricerca [...]

GEAB
15 Lug 2022

L’economia dello spazio nel 2030: Scontro tra titani e scontro tra realtà

#economia #Europa #governance #spazio #USA

Giovane, se non poppante, il mercato dello spazio sta registrando una crescita del 70% dal 2010 e dovrebbe raggiungere il trilione di dollari annui nel 2040. Si potrebbe credere che [...]

GEAB
15 Giu 2022

2023 – 2025: rischi di blackout. Rispondere all’imperativa necessità di prosilienza

#economia #Energía #finanza #geopolítica #governance

Negazione, illusione di sicurezza, sensazione di impotenza e impreparazione sembrano prevalere in materia di preparazione della popolazione a rischio di blackout su scala europea. Blackout, un termine che spaventa e [...]