Home Les bulletins GEAB GEAB Medio oriente Secondo trimestre 2019: epilogo della creazione del Grande Israele (GEAB 133 / Marzo 2019)

GEAB Medio oriente

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Ago 2019

Secondo trimestre 2019: epilogo della creazione del Grande Israele (GEAB 133 / Marzo 2019)

La probabilità di un prossimo avvio del processo rapido e drastico relativo ai fonti battesimali (ci permettiamo di dire…) del Grande Israele la riteniamo molto elevata (70%).

Figura 1 Confronto della presentazione dei distretti di Israele tra Wikipedia in francese (a sinistra) e Wikipidia in ebraico (a destra) nella versione d’agosto 2015. Wikipedia in francese presenta 6 distretti. Il Golan (in verde) e i territori palestinesi (la striscia di Gaza e la Cisgiordania, in rosa scuro) sono dissociati da Israele (in rosa). Wikipedia in ebraico presenta 7 distretti. Il distretto aggiuntivo, chiamato Ezor Yehuda VeShomron (la Giudea e Samaria) corrisponde alla Cisgiordania. Il distretto nord comprende anche il Golan. L’insieme è presentato come l’intero Israele. La striscia di Gaza è esclusa dal territorio.

Innanzitutto qualche avvertenza:

Sappiamo come tutto quel che riguarda Israele sia delicato da affrontare e nel pubblicare questa analisi abbiamo esitato. È quindi impossibile pretendere di chiarire il futuro precludendo soggetti in particolare centrali come il Medio Oriente e Israele. Elencheremo quindi l’impressionante serie di fatti che, a nostro parere, convergono verso l’epilogo del lungo processo di creazione dello Stato di Israele, sperando di non offendere nessuno. Se dalla nostra descrizione può trasparire un certo cinismo, dai fatti della storia stessa può solo avere una morale.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

In questa estate del 2019, che continua a mettere il Medio Oriente in primo piano, abbiamo trovato e messo insieme alcuni scenari emblematici della nostra visione del futuro della regione [...]

Abbiamo più volte analizzato come solo potenze regionali fossero in grado di riportare la calma in Medio Oriente e di risolvere la questione Daesh, nemico comune capace di mettere tutti [...]

Come anticipiamo da due mesi, la fine del 2017 è piena di nuovi sviluppi e rischia varie escalation. Attualmente, tutti gli occhi sono di nuovo puntati sul Medio Oriente, polveriera [...]

Questo mese non possiamo non tornare sul Medio Oriente, perché ciò che si sta verificando attualmente somiglia a quello che anticipiamo da vari anni e che abbiamo annunciato per il [...]

Il Medio Oriente sembra essere sul punto di andare a fuoco. Per la prima volta Iran e Israele sono uno contro l’altro. Il regime turco si sta irrigidendo dando ormai [...]

Il progetto di megacittà medio-orientale NEOM di cui abbiamo già parlato è una vera ragione per sperare. Come abbiamo detto l’ultima volta, i sauditi non presenterebbero questo progetto adesso se [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Energia 2020-2050: La Cop26 deve tracciare la strada verso un futuro intelligente dell’energia

#Energía #finanza #governance #mondo #petrolio

Al giorno d'oggi, i produttori di energia, distributori e investitori nel mondo stanno affrontando una triplice difficoltà: calo della domanda, calo di capacità e guerre di prezzi, i quali vanno [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Secondo semestre 2020 – Il test europeo della pace in Medio Oriente

#Europa #israele #mediooriente #statiuniti

A priori l'Europa sembra essere oggi molto più compatibile con il mondo multipolare del XXI secolo rispetto agli Stati Uniti. Ma dovrà dimostrarlo ancora una volta. È a partire dal [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Giu 2020

Europa 2020-2028: 750 miliardi per cambiare paradigma… e salvare gli Stati Uniti

#clima #Europa #governance #statiuniti

Mentre il virus sta attaccando il centro del reattore occidentale «per come lo conosciamo dal 1945», ovvero l'America, al centro della scena sta mettendo un'Europa rigenerata da dodici anni di [...]