Home Cinque anni di reinvenzione della Cina: la nascita di un nuovo modello geopolitico

GEAB agosto 2023

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Ago 2023

Cinque anni di reinvenzione della Cina: la nascita di un nuovo modello geopolitico

Per essere onesti, l’anticipazione politica ci impone di guardare alle previsioni del passato. Questo è ciò che il team LEAP fa ogni agosto, scavando negli archivi del GEAB. Quest’anno siamo tornati al 2017 per riscoprire le nostre previsioni sul potere globale della Cina.

Sebbene la posizione della Cina sulla scena mondiale sia complicata dalla situazione in Ucraina, la sua posizione economica è più assertiva ed è ora in grado di offrire un’alternativa alle ormai fragili istituzioni nate dagli accordi di Bretton Woods. Per realizzare le proprie ambizioni, la Cina ha dovuto reinventare il proprio modello politico ed economico. Questa reinvenzione è stata realizzata sia all’interno che nella sua proiezione sulla scena internazionale.

Questi argomenti possono sembrare molto disparati, ma è combinando questi diversi livelli di studio che possiamo comprendere il percorso che la Cina ha intrapreso in mezzo decennio, e quindi anticipare il percorso che intraprenderà per perpetuare il suo status di potenza globale.

In un momento in cui il prossimo vertice dei BRICS (che si terrà a Johannesburg, in Sudafrica, dal 22 al 24 agosto) si preannuncia storico, in quanto vedrà il lancio della loro nuova moneta internazionale, ci è sembrato necessario dare un’occhiata allo specchietto retrovisore prima di intraprendere il nuovo percorso tracciato dai principali fautori del nuovo mondo multipolare.

Giudicate voi

 

ECONOMIA

Le nostre analisi e anticipazioni ci hanno dapprima portato a capire che la Cina ha ritenuto impossibile la riforma delle istituzioni esistenti; essa si è trovata quindi nell’obbligo di creare qualcosa di nuovo, il che ha ritenuto necessaria la reinvenzione di un proprio modello. Il nostro team ha individuato questa reinvenzione sul piano politico ed economico già nel 2017 con la decisione di intraprendere quella che abbiamo definito “via di mezzo”».

Fine del sistema internazionale per come l’abbiamo conosciuto e «Via di mezzo», GEAB n°111 gennaio 2017

Un poco come nel 2013 la Russia era pronta a fare il proprio ingresso ufficiale sulla scena internazionale e contava sui JO per segnare tale riconoscimento, oggi la Cina è pronta. Ma…

In tale contesto, il nostro team anticipa che il paese prenderà una via di mezzo la cui riforma delle imprese pubbliche sarà la prima illustrazione. La nuova generazione di economisti cinesi dovrà inventare un nuovo modello che serva una strategia di « Cina first » e aperta al mondo (o in ogni caso a una parte del mondo). Secondo il nostro team, gli assi di direzione del modello economico cinese combineranno le caratteristiche seguenti:

  • coordinamento delle politiche economiche: il governo non abbandonerà la propria economia alla legge del mercato, ma piuttosto che verso un modello centralizzatore, evolverà verso un sistema coordinatore forte;
  • politica di credito al consumo per continuare a fare emergere questa classe media di consumatori malgrado il rallentamento della crescita;
  • economia mista ma separata tra imprese di Stato risanate e modernizzate per i grandi servizi pubblici, grandi gemme dell’economia privata sotto il controllo politico e tessuto del PME-PMI per innervare e ancorare la crescita profonda;
  • permeabilità delle relazioni economiche: né protezionismo né ampia apertura, i principi della «Cina first» saranno l’apertura controllata, il riconoscimento degli interessi delle varie parti coinvolte e alla loro armonizzazione;
  • keynesianismo nazionale e transnazionale con grandi progetti di investimenti transnazionali destinati a fornire agli scambi globalizzati (o regionalizzati) gli strumenti infrastrutturali di cui necessitano per prosperare;
  • uscita più o meno visibile dalle istituzioni internazionali vincolanti: nel 2017, non è da escludere un’uscita simbolica dell’OMC che, secondo il nostro team, potrebbe essere il forte segnale mandato dalla Cina dall’uscita dal gioco occidentale di condizionalità (inutile precisare che l’OMC, già in fin di vita, non sopravvivrà a una tale tempesta, il che darà un’idea del futuro del resto della governance mondiale quale la Cina, in vista del rifiuto USA, prenda una propria strada);
  • creazione di nuovi strumenti di valutazione e di controllo dell’economia cinese e sinocentrata al di fuori, in particolare, dell’influenza occidentale;
  • a medio termine, una politica forte dello yuan per attirare i capitali senza perdere il controllo sugli assi e sulle condizioni dell’investimento estero;

Dall’esposizione di questi assi, ci si rende conto che la Cina ha già posto molti elementi di un modello economico autentico. Nel 2017, la vera rivelazione sarà che la Cina non sta per adottare un modello occidentale ma sta elaborando un modello a parte che manderà un segnale potente di fine del pensiero economico unico e aprire una grandissima finestra di opportunità di invenzione di altri modelli (America first, Europa first, Cina first, India first, Africa first…) a forte potenziale liberatore tanto di energie di modernizzazione quanto di conflitti ideologici.

Certo, la Cina è tuttora membro dell’OMC, ma in particolare dall’inizio del decennio imperversa il dibattito sulla perennità di questa adesione. Per il resto, di fatto, in questi anni la Cina si è distinta dal modello occidentale, cercando di creare un regime politico ed economico con caratteristiche proprie.

———-

Questa scelta strategica le ha permesso di concorrere con gli Stati Uniti sul mercato globale, come ad esempio, illustrano i contratti petroliferi espressi in yuan. 

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Elle est là, elle monte tout doucement, « la bête immonde ». Il y a très longtemps, en 1998, Franck Biancheri, notre regretté directeur des études, signait un article d’anticipation intitulé : « 2009, [...]

Riga, 28-29 Novembre 2006 - Le prochain sommet de l’OTAN1 - qui étant donnée sa localisation sur un territoire anciennement russe et soviétique se veut le symbole même du succès [...]

2006, année décisive pour le Joint Strike Fighter, ou l’équivalent aéronautique de l’invasion de l’Irak. La tentative américaine d’imposer à ses Alliés le F35, Joint Strike Fighter (JSF), « l’avion [...]

LEAP/E2020 a annoncé, le 15 Février 2006, le déclenchement d’une crise systémique globale pour la fin du mois de Mars suivant. Aujourd’hui, à la mi-Mai 2006, LEAP/E2020 est en mesure [...]

LEAP/E2020 considère donc que c’est au cours du mois de Juin 2006 que ces pertes de confiance sectorielles, en voie de généralisation dans chaque secteur, devraient converger pour produire l’accélération [...]

Le premier semestre 2007 verra se conjuguer deux évènements importants pour l’UE. Ou plus exactement, les autorités européennes sont persuadées que ce semestre constituera un moment important pour la relance [...]

LEAP/E2020  a annoncé, le 15 Mai 2006 dans le GEAB N°5, que la phase II de la crise systémique globale, phase dite d’ « accélération  », commencerait au mois de [...]

Les difficultés croissantes que rencontre le processus d’adhésion de la Turquie à l’Union européenne contrastent avec la mise en place progressive d’une accession « par morceaux » de l’ex-Yougoslavie (la [...]

Au moment où LEAP/E2020 publie le présent numéro de sa lettre confidentielle qui poursuit son anticipation des développements de la crise systémique globale, le Fonds Monétaire International (FMI) publie deux [...]

D’une part, LEAP/E2020 confirme la poursuite de la phase d’accélération de la crise prévue pour durer de Juin à Novembre 2006, comme annoncé en Mai dernier ; et d’autre part, [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Giu 2024

2030: Gli asset strategici europei divorati dagli investimenti sauditi

#arabiasaudita #geopolítica #Investimenti #mondo

Gli investimenti in Europa stanno diventando uno dei pilastri della strategia dell'Arabia Saudita per staccarsi dal petrolio. Dietro a progetti mediatici come la Linea, si può notare un certo riequilibrio [...]

GEAB
15 Giu 2024

2025-2029: il dollaro prende il sopravvento sull’euro che si indebolisce

#dollaro #economia #euro #finanza #mondo #UE

Le prospettive economiche dei Paesi occidentali appaiono poco rosee, a giudicare da una serie di indicatori. Dopo la decisione di tagliare leggermente i tassi d'interesse e con i due paesi [...]

GEAB
15 Giu 2024

Energia, elettricità, risorse naturali: i bisogni dell’IA cannibalizzeranno quelli dell’uomo?

#Energía #geopolítica #governance #IA #societa

A quale costo? E per quale scopo? Queste sono due domande che dovrebbero sorgere spontanee man mano che si diffondono le tecnologie di intelligenza artificiale. Per il momento, dobbiamo ammettere [...]