Home Les bulletins GEAB GEAB 133 Il ruolo dell’oro e dei DSP nella transizione verso una nuova valuta di riserva mondiale

GEAB 133

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 16 Mar 2019

Il ruolo dell’oro e dei DSP nella transizione verso una nuova valuta di riserva mondiale

Nell’ultimo secolo il dollaro USA ha svolto il ruolo di valuta di riserva internazionale regolarizzando il commercio internazionale e fornendo denaro liquido ai mercati finanziari in tempi di crisi. Con molti analisti che mettono ormai in discussione la sicurezza a lungo termine del debito pubblico, stiamo assistendo all’inizio di una transizione a nuova valuta di riserva basata sui DSP, e che ruolo svolgerà l’oro in questa transizione?

La fig. 1 illustra i recenti cambiamenti verificatisi tra le valute di riserva mondiale e il modo in cui queste sono collegate ai cambiamenti di dominio politico o economico della nazione di origine. Nel 2019, ci troviamo di fronte a un mondo che sta affrontando sfide di simile portata: un mondo dove il potere economico si sta spostando ad est e quello politico si sta diffondendo sempre di più in un mondo multipolare.

Figura 1 – Confronto tra le valute di riserva globale in oro dal 1450: Chris Ferreira in Ecconomicreason.com[1]

In vista della transizione – aumento dei DSP

Durante il periodo degli accordi di Bretton Woods Agreement[2] (1944-1971), l’egemonia del dollaro USA come valuta di riserva è cresciuta a livelli mai visti prima. In questo periodo, la forza del dollaro si è basata sulla promessa che i partner commerciali potessero scambiare il surplus in dollari con lingotti d’oro. Col passare del tempo, il crescente volano economico del mondo post-bellico ha esportato sempre più beni in America ottenendo dollari in cambio. Ciò ha portato ad una maggiore forza relativa del dollaro e, ultimamente, a squilibri commerciali che hanno costretto il presidente Nixon a chiudere la “finestra dell’oro”.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Una delle grandi sfide del prossimo decennio saranno sicuramente le relazioni tra i grandi gruppi del digitale, a volte chiamati GAFAM (Google, Amazon, Facebook, Apple e Microsoft) e gli Stati. [...]

(Rivolto agli attori della campagna europea) In questo numero si parla molto di epiloghi! Per quanto riguarda l’Unione, tappa dell’integrazione europea nata il 7 febbraio 1992 a Maastricht, le prossime [...]

Emmanuel Macron ha assunto il potere per servire un programma europeo che passa per il reinserimento della Francia – emarginata dal 2003 ma senza la quale non c’è Europa – [...]

La probabilità di un prossimo avvio del processo rapido e drastico relativo ai fonti battesimali (ci permettiamo di dire...) del Grande Israele la riteniamo molto elevata (70%). Figura 1 - [...]

Il futuro è una tela fatta di tutte le fila che gli umani tessono tra di loro e in un domani. Nel lavoro che il team del GEAB ha cercato [...]

Investimenti, tendenze e raccomandazioni. Ricordiamo che le nostre raccomandazioni non hanno scopo speculativo; esse non intendono stabilire guadagni maggiori bensì perdite minori (se non tutto), poiché nel contesto di una [...]

Articoli correlati
Geta Moldovan
15 Mar 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (mar 2019)

#Criptomonete #Investimenti #oro #petrolio #valori

Investimenti, tendenze e raccomandazioni. Ricordiamo che le nostre raccomandazioni non hanno scopo speculativo; esse non intendono stabilire guadagni maggiori bensì perdite minori (se non tutto), poiché nel contesto di una [...]

Geta Moldovan
15 Mar 2019

Verso una «Sfera Economica Francofona» (SEF)

#economia #Europa #francofonia #lingue #mondo

Emmanuel Macron ha assunto il potere per servire un programma europeo che passa per il reinserimento della Francia – emarginata dal 2003 ma senza la quale non c’è Europa – [...]

Geta Moldovan
15 Feb 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (feb 2019)

#Criptomonete #euro #finanza #Investimenti #oro #petrolio

Investimenti, tendenze e raccomandazioni. Ricordiamo che le nostre raccomandazioni non hanno scopo speculativo; esse non intendono stabilire guadagni maggiori bensì perdite minori (se non tutto), poiché nel contesto di una [...]