Home Les bulletins GEAB GEAB 136 Petrolio: l’era del deflusso

GEAB 136

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2019

Petrolio: l’era del deflusso

Ci troviamo ormai nella quinta – e probabilmente ultima – ondata dell’era del petrolio. Ci sono ora tutte le condizioni per lasciarci alle spalle la dipendenza dal petrolio: anticipazione dell’esauribilità della risorsa, consapevolezza dei problemi ambientali, presenza di nuovi attori economici sufficientemente indipendenti dalle lobby di petrolio per avviare il cambiamento (vale a dire Cina), produzione industriale di soluzioni alternative (veicoli elettrici), ecc. Le battute d’arresto della General Electric, a seguito della scommessa sui carburanti fossili, testimoniano l’efficacia del programma di transizione energetica rappresentato dagli Accordi di Parigi.[1]

Adesso non resta che limitare i danni inflitti dalla transizione al di fuori di questo settore centrale del precedente sistema economico globale. L’attuale volatilità dei prezzi sta dimostrando quanto sia difficile per il settore petrolifero mantenere i prezzi elevati: malgrado le sanzioni USA contro i maggiori produttori (Iran, Venezuela), i tentativi dell’OPEC di incrementare i prezzi con tagli alla produzione[2] e la chiusura dei siti di trivellazione dello scisto americano,[3] ci vorrà una guerra nel Medio Oriente per portare i prezzi oltre a 70-80 dollari al barile (e probabilmente non per molto considerate tutte le soluzioni opt-out disponibili per l’economia globale).

Attualmente, infatti, i più importanti paesi produttori stanno facendo in modo di ritardare il proprio atterraggio di emergenza economico reindirizzandolo verso altri in generale e verso i propri nemici in particolare. Sull’Iran e sul Venezuela vengono imposti tagli nelle quote di mercato per guadagnare più tempo per l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Dieci anni dopo la grande crisi, attualmente sulla salute del settore bancario europeo prosperano i rapporti. Da un lato però le banche europee se la sono cavata solo grazie al [...]

Sotto gli impetuosi colpi della crisi sistemica, si sta gradualmente ponendo fine al sistema di pilotaggio automatico (tecnocrazia) che ha regolato la nostra direzione e velocità di crociera fino al [...]

Recentemente, la guerra commerciale che infuria tra Stati Uniti e Cina è arrivata a un nuovo round con il coinvolgimento, sotto la chiara pressione della Casa Bianca, dei giganti del [...]

Intervista ad Éric Leandri, Presidente e direttore generale di Qwant Presidente, direttore generale e cofondatore di Qwant, motore di ricerca francese, Éric Leandri condivide con il GEAB la convinzione che [...]

Criptomonete: oro 2.0? Con la massima prudenza e la diversificazione e la flessibilità per ridurre i rischi, vi consigliamo di prendere posizione nelle cripto, le quali presentano ormai caratteristiche di [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Gen 2020

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (gen 2020)

#cripto #euiro #finanza #Investimenti #materie prime #petrolio

Bitcoin: oro digitale La netta risalita dei prezzi del Bitcoin nel corso della crisi irano-americana conferma la nostra intuizione dello scorso giugno: il Bitcoin reagisce come valore rifugio. Tale constatazione [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Gen 2020

Panorama 2020: 32 tendenze chiave

#Energía #euro #Europa #finanza #geopolítica #governance #materie prime #medio oriente #mondo #petrolio #Stati Uniti

Come ogni anno, GEABbyLEAP vi offre un panorama sintetico delle grandi tendenze chiave dell'anno che sta per cominciare. Oltre all’interesse intellettuale del contributo del LEAP, che riflette naturalmente le numerose [...]

Geta Grama-Moldovan
15 Dic 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (dic 2019)

#euro #finanza #Investimenti #petrolio

Aziende: guardatevi le spalle! Il mondo si sta riorientando sulle grandi regioni. Questa tendenza, identificata tanto tempo fa dal GEAB e più volte confermata, non riguarda naturalmente solo le dinamiche [...]