Home Petrolio: l’era del deflusso

GEAB 136

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2019

Petrolio: l’era del deflusso

Ci troviamo ormai nella quinta – e probabilmente ultima – ondata dell’era del petrolio. Ci sono ora tutte le condizioni per lasciarci alle spalle la dipendenza dal petrolio: anticipazione dell’esauribilità della risorsa, consapevolezza dei problemi ambientali, presenza di nuovi attori economici sufficientemente indipendenti dalle lobby di petrolio per avviare il cambiamento (vale a dire Cina), produzione industriale di soluzioni alternative (veicoli elettrici), ecc. Le battute d’arresto della General Electric, a seguito della scommessa sui carburanti fossili, testimoniano l’efficacia del programma di transizione energetica rappresentato dagli Accordi di Parigi.[1]

Adesso non resta che limitare i danni inflitti dalla transizione al di fuori di questo settore centrale del precedente sistema economico globale. L’attuale volatilità dei prezzi sta dimostrando quanto sia difficile per il settore petrolifero mantenere i prezzi elevati: malgrado le sanzioni USA contro i maggiori produttori (Iran, Venezuela), i tentativi dell’OPEC di incrementare i prezzi con tagli alla produzione[2] e la chiusura dei siti di trivellazione dello scisto americano,[3] ci vorrà una guerra nel Medio Oriente per portare i prezzi oltre a 70-80 dollari al barile (e probabilmente non per molto considerate tutte le soluzioni opt-out disponibili per l’economia globale).

Attualmente, infatti, i più importanti paesi produttori stanno facendo in modo di ritardare il proprio atterraggio di emergenza economico reindirizzandolo verso altri in generale e verso i propri nemici in particolare. Sull’Iran e sul Venezuela vengono imposti tagli nelle quote di mercato per guadagnare più tempo per l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Dieci anni dopo la grande crisi, attualmente sulla salute del settore bancario europeo prosperano i rapporti. Da un lato però le banche europee se la sono cavata solo grazie al [...]

Sotto gli impetuosi colpi della crisi sistemica, si sta gradualmente ponendo fine al sistema di pilotaggio automatico (tecnocrazia) che ha regolato la nostra direzione e velocità di crociera fino al [...]

Recentemente, la guerra commerciale che infuria tra Stati Uniti e Cina è arrivata a un nuovo round con il coinvolgimento, sotto la chiara pressione della Casa Bianca, dei giganti del [...]

Intervista ad Éric Leandri, Presidente e direttore generale di Qwant Presidente, direttore generale e cofondatore di Qwant, motore di ricerca francese, Éric Leandri condivide con il GEAB la convinzione che [...]

Criptomonete: oro 2.0? Con la massima prudenza e la diversificazione e la flessibilità per ridurre i rischi, vi consigliamo di prendere posizione nelle cripto, le quali presentano ormai caratteristiche di [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Giu 2022

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (giu)

#bitcoin #cripto #Investimenti #oro #petrolio #yen

Oro, Bitcoin: privilegiare gli investimenti tradizionali // Yen: il primo pilastro a crollare? // Fine dei motori termici nel 2035 // Petrolio: l'aumento continua ____________________ Oro, Bitcoin: privilegiare gli investimenti tradizionali Per [...]

GEAB
15 Apr 2022

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (apr 2022)

#bitcoin #cryptos #Immobiliare #Investimenti #oro #petrolio

Bitcoin & co vanno tranquilli per la loro strada // Oro: le grandi incertezze favoriscono soluzioni storiche // Prezzo dell'immobiliare: per Amsterdam, Parigi, Stoccolma, Zurigo, Monaco, Francoforte, fine della corsa [...]

GEAB
15 Mar 2022

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (mar 2022)

#arte #Criptomonete #dollaro #Energía #Immobiliare #Investimenti #materie prime

Materie prime – Nessuna certezza // Energia – Frammentazione del mercato // Criptomonete – Controintuitive // Dollaro – Trasmutazione // Immobiliare – Attenzione // Arte – «La bellezza salverà il [...]