Home La fine del dominio digitale americano nel mondo

GEAB 136

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2019

La fine del dominio digitale americano nel mondo

Recentemente, la guerra commerciale che infuria tra Stati Uniti e Cina è arrivata a un nuovo round con il coinvolgimento, sotto la chiara pressione della Casa Bianca, dei giganti del digitale. Adducendo ad attentati alla sicurezza nazionale, Donald Trump ha messo Huawei nella lista delle imprese indesiderabili agli Stati Uniti[1], spingendo al contempo Google[2], Facebook, nonché i costruttori di componenti chiave dei telefoni mobili (ARM, Qualcomm, Wi-Fi Alliance) a tagliare i ponti con il costruttore cinese. Nello stesso tempo, la Casa Bianca ha fatto pressione sulla Germania[3] sul Regno Unito[4] affinché rimettano in causa i progetti di acquisto di attrezzature nell’ambito della diffusione delle reti di telefonia mobile di nuova generazione (5G). Questa spettacolare decisione dell’amministrazione nordamericana è il risultato di una crisi di diversi anni nel corso della quale il costruttore cinese è stato regolarmente sospettato di spionaggio elettronico da parte degli Stati Uniti, nonché dal Regno Unito e dai Paesi Bassi, senza tuttavia presentare nessuna prova[5]. Ad agosto 2018, tale crisi aveva portato all’iscrizione di Huawei su una lista di fornitori banditi dagli appalti pubblici negli Stati Uniti[6].

Un colosso dai piedi d’argilla

L’iniziativa americana mette seriamente in imbarazzo gli operatori europei, i quali stanno cercando ogni via possibile di elusione[7]. Negli Stati Uniti, una parte dell’amministrazione Trump e Google stesso stanno cercando di fare marcia indietro[8]. Il gigante californiano sta tentando di convincere il governo degli Stati Uniti che escludere Huawei dall’ecosistema Android, interamente controllato da Google, significa invitarlo a creare un proprio sistema di utilizzo per smartphone sulla base della versione libera di Android. Ad eccezione di Apple, che ormai rappresenta solo un piccolo terzo del mercato, il mondo dello smartphone sarà diviso in due campi, americano e cinese.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Dieci anni dopo la grande crisi, attualmente sulla salute del settore bancario europeo prosperano i rapporti. Da un lato però le banche europee se la sono cavata solo grazie al [...]

Sotto gli impetuosi colpi della crisi sistemica, si sta gradualmente ponendo fine al sistema di pilotaggio automatico (tecnocrazia) che ha regolato la nostra direzione e velocità di crociera fino al [...]

Intervista ad Éric Leandri, Presidente e direttore generale di Qwant Presidente, direttore generale e cofondatore di Qwant, motore di ricerca francese, Éric Leandri condivide con il GEAB la convinzione che [...]

Ci troviamo ormai nella quinta – e probabilmente ultima – ondata dell’era del petrolio. Ci sono ora tutte le condizioni per lasciarci alle spalle la dipendenza dal petrolio: anticipazione dell’esauribilità [...]

Criptomonete: oro 2.0? Con la massima prudenza e la diversificazione e la flessibilità per ridurre i rischi, vi consigliamo di prendere posizione nelle cripto, le quali presentano ormai caratteristiche di [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Mar 2022

2024: La nuova destra americana di Peter Thiel

#elezioni #política #societa #Stati Uniti

Osservare Peter Thiel oggi, con le sue reti, la sua ideologia e le sue leve di influenza, vuol dire farsi un'idea di un partito repubblicano americano che si presenterà alle [...]

GEAB
15 Feb 2022

Una semplice visione del futuro della NATO (in due parole)

#geopolítica #NATO #Russia #Stati Uniti

Mentre i russi e gli americani si affrontano da una parte all'altra delle frontiere ad est dell'UE, riassumiamo nuovamente l'analisi della strategia condotta e degli obiettivi perseguiti. È in Ucraina [...]

GEAB
15 Dic 2021

Crisi del futuro 2022-2025: l’Occidente si è sbagliato sul futuro?

#economia #Europa #futuro #geopolítica #spazio #Stati Uniti

All'orizzonte si profila l'ombra del Web3. Si presenta già come una nuova rivoluzione, venticinque anni dopo quella di Internet da cui le nostre società cominciano a malapena a riprendersi. Nuova [...]