Home Les bulletins GEAB GEAB 136

GEAB 136

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Giu 2019
L'estratto pubblico

Dieci anni dopo la grande crisi, attualmente sulla salute del settore bancario europeo prosperano i rapporti[1]. Da un lato però le banche europee se la sono cavata solo grazie al denaro pubblico[2]; dall’altro, alcuni giganti sono tuttora considerati bombe disinnescate (Deutsche Bank[3], Commerzbank[4], Monte Paschi[5],…); infine, il sistema bancario europeo fatica a finanziare il fabbisogno del continente[6]. Il bilancio del risanamento bancario europeo è quindi mezzo e mezzo: fortemente sostenuto dalle autorità pubbliche e sicuramente risanato grazie ai regolamenti di Basilea ma a scapito di un’efficacia di finanziamento. Le banche private inventate in Italia nel Quattrocento sono tuttora gli attori più pertinenti per finanziare l’economia europea del XXI secolo?

Organizzazione del sistema di finanziamento europeo: verso un modello stile anglo-sassone

Il processo di trasformazione è già ben avviato e la pressione che da dieci anni riscuotono le banche europee è enorme e multidirezionale. Gli ingenti costi di funzionamento delle banche[7] accompagnati dai deboli – se non negativi – tassi della BCE hanno gravato pesantemente sul settore costringendolo ad alleggerirsi con tutti i mezzi, riducendo personale e succursali[8]. Ciò nonostante, i margini non hanno fatto che ridursi anche di fronte ai crescenti costi di cyber-crimine e cyber-sicurezza[9]. Per compensare la concomitante riduzione dei margini, le banche tentano di inventare spese di funzionamento[10] ma da quando sono comparse nuove banche online con commissioni ultraleggere la concorrenza è agguerrita[11]. Non stupisce quindi che le banche tradizionali investono – sempre con grandi spese – in proprie versioni online[12]; con successi modesti[13]. I regolamenti di Basilea invitano le banche tradizionali ad una prudenza che nuoce alla capacità di prestito[14], un obbligo che naturalmente pesa – o ha pesato – molto più sulle vecchie banche che hanno dovuto svuotare i loro conti che su quelle nuove che sono state direttamente create su questa base legale.

Figura 1 – Tasso di redditività delle banche europee, 2015-2019. Fonte: Bloomberg/BCE.

 

Il sistema bancario europeo è comunque sopravvissuto a tale compressione (naturalmente non si è trattato di un’esplosione da cui l’importanza di aiuti, acquisti e garanzie pubbliche durante tutto questo periodo). Ma comunque non è al limite degli sforzi di adattamento.

Dal 2015, infatti, tra le piste indicate nell’ambito delle riflessioni sulla riforma della zona euro (Unione bancaria, Eurobond, budget, governo…) c’è un’Unione dei mercati dei capitali[15], ovvero un sistema che renda fluidi gli investimenti transfrontalieri in zona euro (o UE).

In materia di riforma della zona euro, è noto che Francia e Paesi Bassi si sono fortemente opposti alle soluzioni, avendo trascinato un intero campo (la famosa Lega anseatica) contro le proposte francesi di governo della zona euro ritenute centralizzatrici[16]. Il fatto è che l’avversione sempre più generalizzata degli europei a tutto ciò che assomiglia anche lontanamente ad un’Europa centralizzata ha reso particolarmente pertinente la posizione dei Paesi Bassi.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Sotto gli impetuosi colpi della crisi sistemica, si sta gradualmente ponendo fine al sistema di pilotaggio automatico (tecnocrazia) che ha regolato la nostra direzione e velocità di crociera fino al [...]

Recentemente, la guerra commerciale che infuria tra Stati Uniti e Cina è arrivata a un nuovo round con il coinvolgimento, sotto la chiara pressione della Casa Bianca, dei giganti del [...]

Intervista ad Éric Leandri, Presidente e direttore generale di Qwant Presidente, direttore generale e cofondatore di Qwant, motore di ricerca francese, Éric Leandri condivide con il GEAB la convinzione che [...]

Ci troviamo ormai nella quinta – e probabilmente ultima – ondata dell’era del petrolio. Ci sono ora tutte le condizioni per lasciarci alle spalle la dipendenza dal petrolio: anticipazione dell’esauribilità [...]

Criptomonete: oro 2.0? Con la massima prudenza e la diversificazione e la flessibilità per ridurre i rischi, vi consigliamo di prendere posizione nelle cripto, le quali presentano ormai caratteristiche di [...]

Articoli correlati
Geta Grama-Moldovan
15 Set 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (settembre 2019)

#cryptomonete #finanza #Investimenti #petrolio

Finanza – Prime aperture al mercato cinese Le raccomandazioni di investimento sul mercato finanziario cinese non sono facili da seguire in mancanza di accessibilità. Ma a poco a poco il [...]

Geta Moldovan
15 Giu 2019

Investimenti, tendenze e raccomandazioni (giu 2019)

#Criptomonete #Énergie #oro #petrolio

Criptomonete: oro 2.0? Con la massima prudenza e la diversificazione e la flessibilità per ridurre i rischi, vi consigliamo di prendere posizione nelle cripto, le quali presentano ormai caratteristiche di [...]

Geta Moldovan
15 Giu 2019

Petrolio: l’era del deflusso

#Investimenti #petrolio

Ci troviamo ormai nella quinta – e probabilmente ultima – ondata dell’era del petrolio. Ci sono ora tutte le condizioni per lasciarci alle spalle la dipendenza dal petrolio: anticipazione dell’esauribilità [...]