Home 2025: l’Europa frammentata implode sotto la pressione della guerra

GEAB 183

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Mar 2024

2025: l’Europa frammentata implode sotto la pressione della guerra

Impossibile rilanciare l’industria europea della difesa, scontri politici e sociali, disaccordi strategici, divergenze diplomatiche…

“Finora l’Europa è stata costruita sulle crisi” è un motto storicamente verificabile. Il conflitto in Ucraina, tuttavia, sarà la crisi a dimostrare che questo motto è sbagliato, facendo crollare l’edificio su se stesso. La crisi sistemica globale permea e destabilizza le istituzioni europee da oltre quindici anni. Queste ultime, fino ad oggi, sono riuscite a resistere come meglio potevano, accelerando il proprio sviluppo e mascherando le carenze, a partire dalla mancanza di democratizzazione, e nascondendo sotto il tappeto le divisioni che le indeboliscono. Queste divisioni e carenze sono esacerbate dalla guerra in Ucraina, che sta provocando sfoghi legittimi a tutti i livelli, ma che non rimbalzano nella stessa direzione.

Dopo l’atteggiamento attendista tipico dell’anno elettorale 2024[1], tutte le reazioni che si stanno già mettendo in atto avranno un forte impatto sul continente, che entrerà in uno stato di guerra totale. Coinvolti nella guerra fin dal primo giorno, l’UE e gli Stati membri non potranno partecipare a una soluzione diplomatica, non solo perché sono parti in causa, ma anche perché è ormai chiaro che la Russia ha il sopravvento sul teatro delle operazioni[2] e che è impensabile per l’Occidente negoziare con una Russia in posizione di forza[3].

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

© Kerozen Concept (AI generated image) Il progetto europeo sopravviverà al momento orwelliano in cui è rimasto invischiato? L'Unione europea, che per tutta la vita ha ribadito di essere l'unico [...]

Dall'inizio delle offensive israeliane a Gaza sono stati uccisi oltre 30.000 civili, eppure il veto americano sta bloccando ogni risoluzione di cessate il fuoco proposta dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU, [...]

Mentre due accesi conflitti, Ucraina/Russia e Israele/Gaza, stanno infiammando il mondo alle nostre porte, in cui i protagonisti rifiutano qualsiasi negoziato di pace senza la totale sconfitta dell'avversario (a meno [...]

È la musa della gioventù americana, ma anche europea (e non solo anglofona) e, naturalmente, mondiale. I suoi video hanno centinaia di milioni di visualizzazioni, i suoi album sono in [...]

La guerra ha un lungo futuro davanti a sé In linea con l'articolo sull'Europa e l'Ucraina, riteniamo che l'industria della difesa abbia un lungo e brillante futuro davanti a sé. [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Mag 2024

Eurolandia 2025-2030: dalla realtà in tasca alla virtualità, cosa resterà dell’Unione (europea)?

#denaro #economia #euro #eurolandia #governance #valuta

L'euro in tasca: il senso di appartenenza all'Europa Il rapporto che abbiamo con il denaro è carico di affettività ed emozione. Non ha solo un valore economico, finanziario o monetario, [...]

GEAB
15 Mag 2024

Il futuro dei sistemi di pagamento, la scomparsa del contante: quando le politiche monetarie non saranno più sufficienti

#denaro #economia #finanza #governance

Tra i ritorni all'essenziale (back to basics) che abbiamo anticipato in diverse occasioni, cosa può essere più efficace del denaro? Quando le difficoltà e i rischi si accumulano, è necessario [...]

GEAB
15 Apr 2024

Bitcoin, l’arma dell’impero elettronico: come Blackrock, lo Stato americano e Big Tech prenderanno il controllo di Bitcoin

#bitcoin #blackrock #geopolítica #statiuniti

Nel suo contrattacco, l'e-Impero americano non può ignorare la sua arma preferita: il dollaro. È impossibile reinventare il potere americano e il suo dominio sul sistema globale senza reinventare l'egemonia [...]