Home 2020-2030: Da SpaceX alla prossima «guerra delle stelle»

GEAB 147

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Set 2020

2020-2030: Da SpaceX alla prossima «guerra delle stelle»

L’arrivo di lanciatori spaziali privati, inaugurato da SpaceX, è un grande punto di svolta in vista di una privatizzazione dello spazio. Combinando questa tendenza a quella, meno recente, di multipolarizzazione con l’arrivo nel cielo di cinesi, indiani, brasiliani, ecc…, nonché la diversificazione dell’uso che se ne fa dello spazio (osservazione, meteo, GPS, telecomunicazioni, spionaggio, guerra), e aggiungendo una carente regolamentazione internazionale[1], si possono anticipare a colpo sicuro importanti crisi dello spazio per i prossimi 10-20 anni. Andando dal semplice aumento del numero di collisioni di oggetti spaziali a conflitti «spazio-territoriali» (spaziale + territoriale) comparabili a quelle che hanno scorso il mondo colonizzato nel XIX e XX secolo (conducendo alle guerre mondiali note a tutti), queste crisi non tarderanno ormai a manifestarsi.

Poi ci sono i costi crescenti che questa corsa alla colonizzazione dello spazio inevitabilmente porterà, una corsa che assomiglia sempre più a quella «guerra delle stelle» nella quale gli Stati Uniti e l’URSS si erano lanciati negli anni ’80[2] e che ha finito per contribuire al crollo dell’Unione Sovietica. Questa volta però è il mondo intero che rischia di ritrovarsi schiacciato: assenza di un modello economico a breve e medio termine (SpaceX sta riducendo i costi dell’invio di satelliti nello spazio ma quanto questa politica di concorrenza sleale costi veramente a SpaceX/NASA/Pentagon nessuno lo sa), crescente saccheggio dei mercanti internazionali a vantaggio di tutti i Musk, Bezos e altri Zuckerberg (e della strategia di dominio mondiale della Nuova America[3]),… la fabbricazione, l’invio e la sicurezza[4], decine di migliaia di satelliti, perfino miniaturizzati (anziché i 3000 attuali) costeranno al mondo una fortuna… che non ha.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

Con la crisi del Covid il mondo precipita nel futuro. Questo è vero praticamente su tutti i fronti e il compito di osservazione dell'immensa trasformazione sociale si è considerevolmente complicato. [...]

A cura del GEAB junior Il più grande campo profughi d'Europa, Moria, a Lesbos, è stato interamente bruciato. 12.000 persone hanno perso quella che potevano dire essere la loro casa [...]

L'ultimo articolo sulle elezioni americane risale a quattro mesi fa («L'ascesa al potere di una Nuova America» - GEAB del 15 maggio 2020). Tra le molte tesi a sostegno di [...]

Nel settore dell'agroindustria, la pandemia del Covid-19 ha considerevolmente rafforzato la paura di epizootie o epifitie di livello mondiale su derrate strategiche (maiale, riso, farina...). Le condizioni propizie all'emergere di [...]

The world is undergoing one of the greatest transformations in history, directly linked to a global crisis making the future ever more uncertain. Whether it be governance, geopolitics, economic, social [...]

Rivoluzione dei mercati delle materie prime in vista I crescenti conflitti commerciali e la mondializzazione dei mercati delle materie prime porteranno a una nuova stesura di numerosi contratti COMEX e [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Ott 2021

La guerra Cina-AUKUS non avrà luogo

#Cina #geopolítica #GlobalBritain

La formazione dell'alleanza militare tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti (AUKUS) non illustra nient'altro che un surriscaldamento della guerra fredda che oppone la Cina all'Occidente. In questo aperto scontro [...]

GEAB
15 Set 2021

Stati Uniti 2022 – Chi godrà dei miliardi di miliardi dell’Infrastructure Deal?

#geopolítica #Stati Uniti

Per evitare il crollo del dollaro, Biden (e Trump prima di lui) punta su un piano keynesiano di ricostruzione delle infrastrutture e del sistema sociale e sanitario del paese, destinato [...]

GEAB
15 Set 2021

Stati Uniti, Europa, mondo musulmano, mafie 2040: gli effetti dominio del ritiro USA dall’Afghanistan

#afghanistan #America #crimine organizzato #geopolítica #mondo arabo #valori

In Afghanistan, i talebani stanno tornando al potere e la storia sta riprendendo il proprio corso dove si era fermata esattamente vent'anni fa. Questi vent'anni di ristagno afgano stanno però [...]