Home Medio Oriente: Verso una pace senza vincitori né vinti

GEAB 125

Il numero mensile del Laboratorio europeo di Anticipazione Politica (LEAP) - 15 Mag 2018

Medio Oriente: Verso una pace senza vincitori né vinti

Il Medio Oriente sembra essere sul punto di andare a fuoco. Per la prima volta Iran e Israele sono uno contro l’altro[1]. Il regime turco si sta irrigidendo dando ormai fastidio a tutti. La Siria non smette di offrire una pace che gli occidentali si rifiutano di ratificare finché non viene loro garantita una fetta di vittoria e di torta. I cittadini di Gaza si fanno mitragliare attraverso il filo spinato della loro prigione dall’esercito israeliano[2].

Ma nessuno fa niente. Tutt’al più, una parte della comunità internazionale si preoccupa che i palestinesi non vengono sterminati[3].

Da quando l’Arabia Saudita ha dichiarato che Israele aveva diritto di cittadinanza nella regione, i palestinesi dovranno accettare il fatto che ben presto non verranno più sostenuti da nessuno nel mondo. Il loro ultimo protettore, l’Iran[4], riceve pressioni da tutte le parti[5] per ammettere il fatto storico che per la regione continuare a negare è un suicidio: Israele c’è e per rivivere bisognerà accettarlo.

La storia è cinica ma il corso degli eventi non si può fermare per sempre.

Ormai la rapidità con la quale questa parte del mondo si trasforma, si rigenera e si reinventa dopo tutti questi decenni di immobilizzazione e sofferenze, è decisamente affascinante.

Commenti

Per lasciare un commento, abbonatevi.
Sommario

A seguito della rimozione degli ultimi blocchi posti sull’ordine mondiale precedente e in linea con le nostre anticipazioni, tutte le dinamiche di trasformazione finora impiegate scorrono ormai lungo percorsi tracciati [...]

Il progetto di megacittà medio-orientale NEOM di cui abbiamo già parlato è una vera ragione per sperare. Come abbiamo detto l’ultima volta, i sauditi non presenterebbero questo progetto adesso se [...]

Anche in materia finanziaria la preoccupazione è d’obbligo. L’aprile scorso, i discorsi allarmisti del FMI hanno annunciato un’enorme crisi entro il 2020 legata al livello di indebitamento mondiale che dieci [...]

Il rilancio delle dinamiche europee, quali che esse siano, dipende in gran parte dal ripristino delle relazioni con la Russia che divisa dall’Unione dal 2004 e prova come questo artificio, [...]

Le criptomonete sono al centro di molti interrogativi, dei privati, delle imprese e delle autorità di mercato, e quindi degli Stati. Il loro ruolo nella vita economica sta diventando sempre [...]

Il futuro è colmo di dati di fatto sui quali è opportuno fondare le anticipazioni che chiariscono le nostre decisioni. Ogni tre mesi, pertanto, il nostro team condivide con i [...]

- Petrolio: non fateci caso! Dollaro: Affari da fare? - Oro: Non come gli altri - Prestiti: affrettatevi! - Risparmi: al riparo! - Creazione di impresa: data di scadenza - [...]

Articoli correlati
GEAB
15 Nov 2022

Panorama: Il momento giusto per i paesi emergenti

#geopolítica #governance #mondo #societa #umanesimo

Come previsto, con l'imminente passaggio delle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti, la Fed inizia a prepararsi a un rallentamento della stretta monetaria a dicembre. Goldman Sachs sta cercando [...]

GEAB
15 Set 2022

Cosa resterà dell’Europa quando il mercato dei consumatori scomparirà?

#geopolítica #governance #mondo #societa

(Lettera aperta agli atlantisti europei) La NATO e le cerchie atlantiste gongolano spudoratamente della superba unità mostrata dal campo alleato "grazie" alle sofferenze dell'Ucraina: «Chi avrebbe potuto anticipare che una [...]

GEAB
15 Giu 2022

Fine 2022 – La firma dell’accordo di pace tra Armenia e Azerbaigian inaugura un nuovo futuro per il sud del Caucaso

#caucaso #geopolítica #governance #mondo

Attualmente la crisi ucraina sta permettendo a molti paesi di muovere le proprie pedine. Tra questi ritroviamo in primis la Turchia, la quale, in collaborazione con Israele, sta escogitando il [...]